Guida compilazione del modello 730 per la dichiarazione dei redditi




1 2 3 4 5 6 7 8 9 10


dichiarazione dei Redditi modello 730


Il Modello 730 è stato introdotto in Italia nel 1993, con lo scopo di provvedere immediatamente al rimborso delle imposte a credito a favore dei dipendenti e pensionati, sostituì il modello 740, il modello di dichiarazione unificato compensativo, tuttavia in alcuni casi per dichiarare il reddito delle persone fisiche viene riservato la compilazione del modello Unico riservato a coloro che percepiscono redditi di terreni, di fabbricati, di partecipazione, di lavoro dipendente, di lavoro autonomo occasionale o continuativo, d'impresa e di pensione ed altri tipi di reddito, cui sono riservati quadri di riferimento particolari.

Chi può e chi deve compilare il 730


Il modello 730, può essere usato dai contribuenti che hanno un sostituto d'imposta: pensionati, lavoratori dipendenti, soci di cooperative, contribuenti impegnati in lavori socialmente utili e personale scolastico a tempo determinato. Questo tipo di dichiarazione dei redditi permette di ottenere il rimborso dell’Irpef direttamente in busta paga o sulla pensione.

A chi presentare il modello 730

- Assistenza Fiscale e Termini di presentazione

modello 730Il modello 730 deve essere presentato al sostituto d'imposta (datore di lavoro o ente pensionistico) entro il 7 Luglio 2015, in ogni caso i sostituti d’imposta, a prescindere dal numero di soggetti a cui corrispondono redditi di lavoro dipendente, non sono obbligati a prestare assistenza fiscale, invece si consiglia di controllare le scadenze fiscali divise per mese sul sito dell’Agenzia delle Entrate.


Come funziona


Contribuente
Presenta al sostituto d’imposta il Mod. 730 e la busta contenente il Mod. 730-1 per la scelta della destinazione dell’otto e del cinque per mille dell’IRPEFassistente fiscale: CAf o professionista abilitato

Sostituto d’imposta
Rilascia ricevuta dell’avvenuta presentazione della dichiarazione e della busta da parte del contribuente
Servizi Inps



Contribuente
Presenta al CAF o al professionista abilitato il Mod. 730 e il Mod. 730-1 per la scelta della destinazione dell’otto e cinque per mille dell’IRPEF. Riceve dal sostituto d’imposta copia della dichiarazione Mod. 730 e il prospetto di liquidazione Mod. 730-3



Sostituto d’imposta
Controlla la regolarità formale della dichiarazione presentata dai contribuenti, effettua il calcolo delle imposte, consegna al contribuente copia della dichiarazione Mod. 730 e il prospetto di liquidazione Mod. 730-3

CAF o Professionista abilitato
Rilascia ricevuta dell’avvenuta presentazione della dichiarazione e della busta contenente il Mod. 730-1 da parte del contribuente. Riceve Quando si riceve la retribuzione con i rimborsi o con le trattenute delle somme dovute


Contribuente
la retribuzione con i rimborsi o con le trattenute delle somme dovute. In caso di rateizzazione dei versamenti di saldo e degli eventuali acconti trattiene la prima rata.

Le ulteriori rate, maggiorate dell’interesse dello 0,33% mensile, saranno trattenute dalle retribuzioni nei mesi successivi. Se la retribuzione è insufficiente per il pagamento delle imposte (ovvero degli importi rateizzati) la parte residua, maggiorata dell’interesse nella misura dello 0,40% mensile, verrà trattenuta dalle retribuzioni dei mesi successivi

Sostituto d’imposta
Trattiene le somme dovute per le imposte o effettua i rimborsi. In caso di rateizzazione dei versamenti di saldo e degli eventuali acconti trattiene la prima rata.

Le ulteriori rate, maggiorate dell’interesse dello 0,33% mensile, le tratterrà dalle retribuzioni nei mesi successivi. Se la retribuzione ì insufficiente per il pagamento delle imposte (ovvero degli importi rateizzati) trattiene la parte residua, maggiorata dell’interesse nella misura dello 0,40% mensile, dalle retribuzioni dei mesi successivi

Documentazione necessaria per la compilazione del modello 730



  • Dati anagrafici;
  • Codice fiscale (anche dei familiari);
  • Dichiarazione dell’anno precedente;
  • Dati catastali di terreni e fabbricati posseduti;
  • Certificazione dei redditi di lavoro dipendente e assimilato, di collaborazione, di lavoro autonomo occasionale, di capitale ecc.; ed eventuale certificazione di ritenute d’acconto;
  • Fatture, ricevute, scontrini, che attestino le spese sostenute nel corso dell'anno; *
  • Ricevuta dei bonifici attraverso i quali sono state pagate le opere di ristrutturazione.


*Scontrini e fatture relative a spese detraibili e deducibili - spese mediche, interessi passivi, spese funebri, veterinarie, assicurazioni vita e infortuni, contributi contribuente modello 730 volontari, contributi previdenziali obbligatori, contributi per addetti domestici, spese relative ad intervento di recupero del patrimonio edilizio, erogazioni liberali a partiti politici, a istituzioni religiose, a Onlus, spese per contributi e premi versati alle forme pensionistiche complementari e individuali, contributi versati al fondo integrativo del Servizio Sanitario Nazionale, contributi versati facoltativamente alla gestione delle forme pensionistiche obbligatorie di appartenenza ed al fondo casalinghe, ecc.

Attestati di versamento eseguiti direttamente nell’anno (mod. F24).




© riproduzione riservata
ultimo aggiornamento: