Dal Baratto alla moneta elettronica, ecco la storia e il futuro del denaro

Il denaro è in realtà un termine generale per un concetto che è cambiato nel corso della storia e che sta ancora cambiando oggi. La storia del denaro ha svolto ruoli critici in molte altre parti della storia.

Senza ulteriori indugi, parliamo dalle origini al futuro che ci spetta.

 



All’inizio della civiltà, il sistema era il baratto

Il denaro è antico quanto la stessa civiltà umana. Il primo “denaro” è stato scoperto in Anatolia, il luogo di nascita della civiltà umana. Quel denaro era ossidiana, ed era estremamente prezioso grazie al suo uso nella produzione di strumenti di alta qualità.

 

mappa anatolia

Denominata dai Romani, dai Greci e dai Bizantini Asia Minore, è una regione geografica dell’Asia occidentale: si tratta di una grande penisola compresa nell’odierna Turchia. Fonte: Wikipedia

 

Tra il 12000 e il 9000 aC, le prime civiltà usavano un certo numero di oggetti di valore diverso come prime forme di denaro. Insieme all’ossidiana, ad esempio, era noto che le prime civiltà usavano il bestiame come strumento di scambio.

Certo, il commercio di ossidiana e di bestiame è più un sistema di scambio che una valuta reale. Ma il denaro è un termine generale per qualsiasi oggetto che è accettato come pagamento per beni e servizi. Oggi, la maggior parte del nostro denaro è la valuta. Ma se pagassi il fattorino della pizza usando le conchiglie, allora quelle conchiglie sarebbero considerate anche dei soldi (e il fattorino sarebbe probabilmente molto triste).

La principale differenza tra la storia antica del denaro e il denaro di oggi è che i primi soldi avevano molteplici usi. Potresti usare il bestiame e l’ossidiana come una forma di deposito di ricchezza e potresti usarlo per pagare le cose.

I soldi di oggi sono totalmente immangiabili e non possono essere creati in moltissimi strumenti utilizzabili.

Come avrai capito, questi tipi di transazioni monetarie sono limitati da un unico difetto: deve esserci una “coincidenza di desideri”. Cosa succede se qualcuno non ha bisogno di bestiame o ossidiana? Come hai intenzione di pagare quella persona? Questo non è un sistema ideale.



In definitiva, nell’antichità, le cose con la più grande utilità venivano accettate come le migliori forme di denaro. La maggior parte delle persone nelle prime civiltà potrebbe trovare un buon uso per una mucca, per esempio, ed è per questo che erano felici di accettare una mucca come pagamento.

 

L’antica Babilonia stabilisce le prime regole che governano il denaro

Il Codice di Hammurabi stabilì una serie di principi legati al denaro che avrebbero costituito la base per la valuta delle civiltà future. Queste regole includevano:



  • Imposta i tassi di interesse per il debito;
  • Multe per illecito;
  • Risarcimento per le vittime di attività criminali;
  • Contratti legali relativi a pratiche commerciali e proprietà privata.

Col passare del tempo, queste pratiche vennero accettate in tutta Babilonia e nel resto della Mesopotamia. Tuttavia, nessuno aveva ancora creato un sistema monetario comune. Gli scambi di denaro venivano solitamente eseguiti con lingotti d’oro o barre d’argento. Il valore di una barra di metallo è stato valutato in base al suo peso.

 

Chi ha creato la prima valuta?

Le prime civiltà cinesi furono le prime a usare valuta standardizzata. Già nel 1000 aC, i cinesi stavano creando coltelli in miniatura che avevano un valore simbolico invece di un valore pratico.

Pochi secoli dopo, le civiltà in Cina, India e nella regione egea iniziarono a sviluppare monete. Le monete erano diverse a seconda di dove erano fatte. Quelle Cinesi, ad esempio, avevano un piccolo foro nel mezzo che permetteva loro di essere comodamente infilate insieme. Le monete greche, d’altra parte, erano marchiate con insegne.

Durante questo periodo tra il 700 aC e il 500 aC, molte monete furono coniate con una lega naturale di oro e argento. Utilizzate dai mercanti di Lidia,  il Regno era situato nella moderna Turchia e detiene il titolo della prima civiltà conosciuta per l’uso di monete d’oro.

Perché le persone fabbricano monete in metallo anziché in altri materiali? La prima ragione principale è che le monete metalliche hanno portato un valore intrinseco. Potrebbero essere fusi e usati per fare armi, strumenti, armature e altre cose pratiche, per esempio. Proprio come il bestiame e il minerale di ossidiana usati negli anni passati, le monete metalliche hanno portato un valore pratico insieme al loro valore ufficiale da varie nazioni.



Valuta romana

Roma era una delle più grandi civiltà del mondo e il loro uso della valuta standardizzata avrebbe influito sul modo in cui oggi usiamo la valuta.

La valuta romana è cambiata molte volte nella storia della civiltà. Le monete erano fatte di oro, argento, ottone e rame. Avevano un valore intrinseco (potevi usare oro, argento, ottone e rame per molte cose diverse) ma quel valore intrinseco era leggermente inferiore al valore dichiarato a Roma.

Quando i Romani stabilirono il proprio sistema di conio, erano già la forza più dominante in Europa.

Le monete romane mostravano in genere importanti immagini simboliche sulla Repubblica romana, tra cui divinità romane. La maggior parte delle monete erano stampate su argento e solo la zecca romana ufficiale – situata a Roma – era autorizzata a fabbricare monete d’alto valore in argento. Le città e le regioni limitrofe erano libere di fabbricare monete di valore inferiore.

Nel 27 aC, Roma passò dall’essere una repubblica a un impero quando Augusto prese il potere. Questo sarebbe un momento fondamentale nel sistema di conio romano. Dopo il 27 aC, le monete romane non raffiguravano più dei e figure mitologiche. Al contrario, presentavano immagini dell’imperatore romano al momento nel profilo laterale – proprio come molte delle monete di oggi in uso in tutto il mondo sono caratterizzate da immagini di profilo laterale della monarchia di una nazione.

Alla fine, romani crearono le monete per i molti valori diversi, tra 1/120 di un denaro (chiamato “Uncia”) e 1/30 di un denaro (chiamato “Triente”).

 

Valuta nell’Europa medievale

Nell’Europa medievale, le monete d’argento erano ampiamente utilizzate fino al XIII° secolo, quando le monete d’oro tornarono ad essere uno standard più accettato. Le monete d’oro furono usate in tutta l’Inghilterra e nell’Europa continentale.

Tuttavia, non tutti i paesi hanno creato le proprie monete d’oro, e non tutte le monete d’oro valevano la stessa cosa. Le monete d’oro spagnole e inglesi, ad esempio, sono state particolarmente ben accettate. In tutta l’Europa medievale, i commercianti faticavano a trovare un modo preciso per convertire le monete d’oro e d’argento in diverse valute e il commercio di beni e servizi in tutto il continente.

Ecco perché i Titoli di credito sono diventati particolarmente popolari. Le cambiali erano una parte fondamentale del commercio nell’Europa medievale e nel Medioevo. Hanno permesso ai mercanti di viaggiare attraverso il continente senza portare molte monete d’oro. In un continente senza legge, era una cattiva idea fare lunghi viaggi portando con sé un sacco di soldi.

Le cambiali erano la prima forma di credito. Qualcuno poteva acquistare beni e servizi da un commerciante e presentare quel mercante con una cambiale. Ovviamente già in quel periodo, i Titoli di credito potevano essere riscattati in qualsiasi città di tutta Europa. A condizione che il venditore e l’acquirente fossero entrambi individui affidabili, il conto era un mezzo di scambio e un modo efficace per conservare valore.

Era già la prima forma di credito e una prima forma di assegno.

 

Che dire della valuta cartacea?

Dobbiamo ancora parlare di valuta cartacea. 

La valuta cartacea non era così popolare nella storia antica perché non aveva un valore intrinseco. Visto che la  banconota, non si poteva sciogliere come le monete del minerale in oro, argento, bronzo e rame, per ricavarne un valore.

Tuttavia, queste limitazioni non hanno impedito alla valuta cartacea di evolversi. I cinesi furono la prima civiltà a usare la carta come valuta. A partire intorno all’anno 800, la Cina avrebbe usato la carta moneta per diversi secoli, perché con le  monete d’oro e d’argento, il processo di produzione richiedeva l’estrazione di minerali dal terreno e l’utilizzo di alcuni tipi di impianti di produzione. Questi processi richiedevano tempo, energia e denaro. La carta moneta era molto più facile da creare e, di conseguenza, era prodotta in grandi quantità in tutta la Cina.

Alla fine, la valuta cartacea cinese ha perso valore ed è diventata praticamente inutile.

Nel secolo XV°, l’uso della moneta cartacea si fermò in Cina e non sarebbe più tornato per diverse centinaia di anni. È importante notare che nessun paese in Europa ha utilizzato la valuta cartacea durante questo periodo, sebbene le banconote fossero un’idea simile che sarebbe presto diventata popolare.

 

1800 e l’ascesa del gold standard

Il gold standard era un concetto innovativo che combinava i migliori aspetti della banconota cartacea con la moneta. Il gold standard permetteva alle banche centrali di creare denaro e allo stesso tempo di avere quei soldi sostenuti da metalli preziosi.

Prima dell’adozione del gold standard, denominato anche come sistema Aureo, le banconote non erano mai state legate a nessun elemento di valore.

Il sistema di Bretton Woods ha stabilizzato le valute nei paesi sviluppati di tutto il mondo, ma ha anche causato alcuni problemi. Come ogni valuta comune, ha collegato le economie di più paesi insieme, il che non è sempre un aspetto positivo quando un paese inizia a vacillare. Nel 1971, Nixon mise fine al sistema di Bretton Woods, che consentiva sia all’oro che alla valuta statunitense di avere valori più fluidi.

 

Riserva frazionaria

Oggi tutte le banche operano secondo il principio della riserva frazionaria. Tuttavia, alcuni secoli fa, il sistema di riserva frazionaria sembrava un concetto bizzarro.

La riserva frazionaria significa che la maggior parte della valuta in circolazione non esiste fisicamente. Quella valuta esiste come numeri su un registro o come punti decimali sugli estratti conto di una banca. Con il sistema bancario a riserva frazionaria, le banche sono tenute a mantenere solo una frazione del denaro dei loro clienti nel caveau della banca.

Le banche sono obbligate per legge a consegnare quei soldi ai clienti quando vengono ritirati. Tuttavia, se tutti i clienti dovessero ritirare il proprio denaro allo stesso tempo, la banca sarebbe stata estromessa e costretta a chiudere. Pertanto, la riserva frazionaria è una forma di rischio e di fiducia: confidiamo che tutti nel paese non vogliano improvvisamente ritirare il denaro e rischiamo di perdere tutti quei soldi se tutti decidessero di farlo.

Oggi: l’era digitale

L’avvento dei computer potrebbe essere stato il momento più importante nella storia della valuta. Oggi esiste relativamente poca valuta fisica nel nostro mondo. La maggior parte della valuta è costituita da numeri su computer e non sarà mai riprodotta in forma fisica.

Non c’è niente di sbagliato in questo. Dopo tutto, molti dei prodotti e servizi di oggi non richiedono trasferimenti di denaro fisico. Puoi pagare quasi tutto tramite carta di credito e interi mercati azionari sono gestiti tramite computer.

È importante ricordare che la differenza tra denaro totale e denaro fisico esisteva prima dell’era digitale. La riserva frazionaria non è un nuovo concetto: l’era informatica ha reso tutto più semplice.

In Europa, si pensa che solo il 21% circa della valuta esiste fisicamente. Il resto è un prodotto del sistema bancario a riserva frazionaria. Alcuni paesi hanno meno del 20% di riserve, mentre altri ne hanno di meno.

Questa non è una brutta cosa, ciò consente a un’economia di crescere senza essere limitata da un’offerta di moneta fisica. Senza un sistema di riserva frazionaria, sarebbe difficile per una zecca nazionale stare al passo con le richieste economiche dell’intero paese, mantenendo al tempo stesso una crescita economica stabile.

 

Politica monetaria moderna

Il denaro è oggi più complicato di quanto non sia mai stato in passato. Oggi, i paesi devono governare attentamente la loro politica monetaria per raggiungere i seguenti obiettivi:

  • Bassa disoccupazione;
  • Inflazione stabile.

Le banche centrali utilizzano una serie di strumenti diversi per raggiungere questi obiettivi. Possono, ad esempio, alzare e abbassare i tassi di interesse, che è lo strumento più popolare utilizzato dalle banche centrali. Possono anche regolare la spesa pubblica, aumentare o ridurre l’obbligo di riserva delle banche e le importazioni / esportazioni fiscali.

Oggi ci sono cinque banche centrali che hanno un ruolo critico sulle finanze mondiali e sull’economia globale.

Quelle banche includono:

  • La Federal Reserve degli Stati Uniti;
  • Banca centrale europea;
  • Bank of Japan;
  • Banca di Cina;
  • Bank of England.

La Federal Reserve degli Stati Uniti

 

Fuori dalle banche centrali sopra elencate, la Banca Centrale Europea è l’unica che governa la valuta di più paesi. La Banca centrale europea è responsabile del mantenimento della stabilità dell’euro in tutti i paesi della zona euro.

Non è sempre un obiettivo facile. L’Europa è un continente diverso con un numero di economie diverse. Oggi l’euro viene trascinato giù da paesi economici relativamente poveri come la Grecia, l’Italia e la Spagna mentre i paesi più ricchi sono la Germania e la Francia.

 

Qual è il futuro della valuta?

Il futuro della valuta potrebbe essere dovuto alle valute digitali e alle “criptovalute“. Negli ultimi anni, abbiamo assistito all’aumento improvviso di criptovalute come BitCoin e concorrenti simili.

Queste valute sono totalmente diverse da qualsiasi altra valuta esistente oggi. Non hanno valore intrinseco ed esistono interamente online sotto forma di bit e byte. Sono anche anonimi e difficili da tracciare.

Sebbene le criptovalute siano attualmente accettate solo in un numero limitato di mercati, quel numero aumenta ogni giorno. Mentre i governi lottano per trovare modi per tassare Bitcoin e valute simili, i consumatori continuano a comprare queste monete in massa.

 

bitcoin

 

Cosa riserva il futuro del denaro?

È difficile da dire. Alcuni credono che avremo un’unica moneta globale un giorno, mentre altri pensano che sia un obiettivo impossibile. L’espansione dell’euro in un numero sempre maggiore di paesi è un interessante esperimento sul modo in cui una moneta unica può governare più paesi in una singola area geografica, e l’ascesa di BitCoin, LiteCoin e DogeCoin potrebbe cambiare il futuro della valuta per sempre.

Potrebbero interessarti anche...