Le principali zone sismiche nei continenti

Il Programma di valutazione del rischio sismico globale era un progetto pluriennale sponsorizzato dalle Nazioni Unite che raccoglieva la prima mappa mondiale coerente delle zone sismiche.

Il progetto è stato progettato per aiutare le nazioni a prepararsi per i terremoti futuri e ad adottare misure per mitigare potenziali danni e morti. Gli scienziati hanno diviso il globo in 20 regioni di attività sismica, condotto nuove ricerche e studiato record di terremoti del passato.

Mappa del pericolo sismico del mondo

Mappa delle zone sismiche nel mondo



La mappa più accurata dell’attività sismica globale. Sebbene il progetto sia terminato nel 1999, i dati accumulati rimangono accessibili. Scopri le zone di terremoto più attive in ciascuno dei sette continenti in questo pagina.

 

Zona Sismica Europa

zone sismica europa

L’Europa settentrionale è in gran parte priva di grandi zone sismiche, ad eccezione di una regione centrata sull’Islanda occidentale, nota anche per la sua attività vulcanica. Il rischio di attività sismica aumenta man mano che ci si sposta verso sud-est verso la Turchia e lungo alcune parti della costa mediterranea.

In entrambi i casi, i terremoti sono causati dalla placca continentale africana dove colpisce verso l’alto nella placca eurasiatica sotto il mare Adriatico. La capitale portoghese di Lisbona fu praticamente rasa al suolo nel 1755 da un terremoto di magnitudo 8,7, uno dei più forti mai registrati. L’Italia centrale e la Turchia occidentale sono anche epicentri di attività sismiche.

Vulcani più importanti in Europa

In Europa esistono diversi vulcani, in attività o meno, sempre monitorati perché rappresentano un serio pericolo:
Italia

  • Etna, il più grande vulcano attivo d’Europa si trova nella provincia di Catania, nella Sicilia orientale.
  • Stromboli, isola vulcanica dell’arcipelago delle Eolie, tra le più attive e spettacolari al mondo.
  • Vesuvio, l’ultima eruzione risale al 1944 e la più famosa e conosciuta della storia è sicuramente quella che seppellì Pompei ed Ercolano.

Islanda

  • Eyjafjallajokull, il vulcano divenuto famoso per le recenti, grandi eruzioni che hanno provocato la chiusura dello spazio aereo europeo.

Spagna



  • Teide, è il terzo vulcano più grande del mondo si trova nelle isole Canarie, appartiene al Patrimonio dell’Umanità Unesco dal 2007.

Grecia

  • Il vulcano di Santorini, responsabile della distruzione della civiltà minoica di Creta nel 1650 a.C.

 

Classificazione sismica Asia

classificazione sismica asia



L’Asia è un focolaio di attività sismiche, in particolare dove la placca australiana si avvolge attorno all’arcipelago indonesiano e in Giappone, che giace a cavallo di tre placche continentali. Numerosi terremoti sono stati registrati in Giappone rispetto a qualsiasi altro posto sulla terra. Anche le nazioni dell’Indonesia, delle Figi e di Tonga registrano annualmente un numero record di terremoti. Il terremoto del 2014, dell’intensità del 9.1 della Scala Richter ha colpito la costa occidentale di Sumatra, ha generato il più grande tsunami della storia.

Più di 200.000 persone sono morte nella risultante inondazione. Altri importanti terremoti storici includono un terremoto di 9.0 nella penisola di Kamchatka in Russia nel 1952 e un terremoto di magnitudo 8.6 che ha colpito il Tibet nel 1950.

L’Asia centrale è un’altra delle principali zone terremotate del mondo. La più grande attività si svolge lungo una fascia di territorio che si estende dalle coste orientali del Mar Nero, giù attraverso l’Iran e il suo confine con il Pakistan e lungo le coste meridionali del Mar Caspio.

Vulcani principali in Asia

  • Mont Agung situato a Bali , in Indonesia ed è il punto più alto dell’isola con i suoi 3031 metri. L’eruzione del 1963-1964 fu una delle più grandi e distruttive della storia dell’Indonesia.
  • Il Merapi (Montagna di Fuoco) è il vulcano più attivo dell’Indonesia, situata nel centro della isola di Java , e uno dei più attivi nel mondo.
  •  Krakatoa è un’isola vulcanica formata da lava vicino all’isola indonesiana di Rakata, tra le isole di Giava e Sumatra. I tre principali vulcani dell’isola sono chiamati Perbuatan, Danan e Rakata.
  • Monte Fuji con 3776 metri di altitudine, è la montagna più alta del Giappone . Si trova nel Giappone centrale e appena ad ovest della città di Tokyo. Il Monte Fuji è classificato come un vulcano attivo, ma con scarso rischio di eruzione. L’ ultima eruzione registrata risale al 1707.
  • Ararat è un montagna della Turchia. Secondo il nono capitolo della Genesi , l’arca di Noè si fermò dopo il diluvio universale, è alto 5.166 metri.

 

Zone sismiche in Africa

L’Africa ha un numero molto minore di zone sismiche rispetto ad altri continenti, con poche o nessuna attività in gran parte del Sahara e parte centrale del continente. La costa orientale del Mediterraneo, in particolare il Libano, è una regione degna di nota. La regione vicino al Corno d’Africa è un’altra area attiva. Uno dei più potenti terremoti africani della storia registrata avvenne nel dicembre del 1910, quando un terremoto del 7,8 colpì la Tanzania occidentale.



Vulcani più importanti in Africa

  • Il Kilimanjaro è la montagna più alta del dell’Africa d’origine vulcanica. Si trova in Tanzania , al confine con il Kenya. Sebbene sia inattivo, il Kilimanjaro ha diverse fumarole che emettono gas al cratere del vertice principale di Kibo.
  • Mount Meru (Tanzania) , con un’altezza di 4.566 metri sul livello del mare , è la seconda montagna più alta del paese. È un vulcano attivo, con una caldera di 5 km di diametro.
  • Monte Stanley, situato  al confine tra la Repubblica Democratica del Congo e Uganda , tra i laghi di Albert e Edward. Con un’altezza di 5109 m, è la montagna più alta in Africa, dopo Kilimanjaro (5895 m) e Monte Kenya (5199 m).
  • Nyamuragira è il vulcano più attivo in Africa, è in grado di produrre lava che raggiunge una distanza di trenta chilometri di lunghezza.

Classificazione sismica Nord e Centro America

Classificazione sismica America

Ci sono diverse importanti zone sismiche in Nord America. Uno dei più notevoli si trova sulla costa centrale dell’Alaska, che si estende a nord fino ad Anchorage e Fairbanks. Nel 1964, uno dei più potenti terremoti della storia moderna, dell’intensità di 9,2 della scala Richter, colpì William Sound in Alaska.

Un’altra zona di attività si estende lungo la costa dalla Columbia Britannica alla Baja Mexico, dove la placca del Pacifico va in conflitto con la placca nordamericana. La California Central Valley, la San Francisco Bay Area e gran parte della California meridionale sono attraversate da linee di faglia attive che hanno generato una serie di terremoti notevoli, tra cui la scossa di magnitudo 7.7 del 1906  rase al suolo San Francisco.

In Messico, una zona di terremoto attiva segue le Sierre occidentali a sud, vicino a Puerta Vallarta, alla costa del Pacifico, al confine con il Guatemala. In effetti, la maggior parte della costa occidentale dell’America Centrale è attiva dal punto di vista sismico. Il confine orientale del Nord America è silenzioso al confronto, anche se c’è una piccola zona di attività vicino all’ingresso del fiume St. Lawrence in Canada.

Altre aree di minore attività sismica comprendono la regione della faglia di New Madrid, dove i fiumi Mississippi e Ohio convergono vicino a Missouri, Kentucky e Illinois. Un’altra regione forma un arco dalla Giamaica a Cuba sud-orientale e attraverso Haiti e la Repubblica Dominicana.

Aree sismiche Sud America

Aree sismiche Sud America

Le zone di terremoto più attive del Sud America lungo la lunghezza del confine pacifico del continente. Una seconda regione sismica notevole corre lungo la costa caraibica della Colombia e del Venezuela. Questa attività è dovuta a un numero di placche continentali in collisione con la placca sudamericana. Quattro dei 10 terremoti più forti registrati si sono verificati in Sud America.

In realtà, il più potente terremoto mai registrato si è svolto nel centro del Cile nel maggio del 1960, quando un terremoto di magnitudo 9,5 colpì vicino a Saavedra. Più di 2 milioni di persone sono rimaste senza casa e quasi 5000 sono state uccise. Mezzo secolo dopo, nella città di Concepcion, nel 2010, un magnate di magnitudo 8,8 ha colpito la città di Concepcion. Circa 500 persone sono morte e 800.000 sono rimasti senza casa, e la vicina capitale cilena di Santiago ha subito gravi danni in alcune aree. Anche il Perù ha avuto la sua parte della tragedia del terremoto.

Vulcani Importanti in America

Gli Stati Uniti hanno 169 vulcani attivi, 55 dei quali sono designati come gravi minacce.

  • Vulcano akutan situato nelle isole Aleutine, in Alaska è alto 1.303 metri, la più grande eruzione esplosiva risale a circa circa 1600 anni fa. Il vulcano eruttò per l’ultima volta nel 1992, ma c’è ancora un’attività fumarolica in corso.
  • Monte Amukta  una piccola isola quasi circolare, la più occidentale delle Isole di quattro montagne delle Isole Aleutine di Alaska.  Il 13 febbraio 1963 ci fu un’eruzione dal cratere centrale, dove il flusso di lava ha continuato fino al Marzo del 1987.
  • La caldera di Yellowstone è situata nel Parco Nazionale di Yellowstone, negli Stati Uniti. A causa della natura vulcanica e tettonica della regione, registra tra 1000 e 2000 tremori all’anno. La maggior parte, con una magnitudo inferiore a 3 gradi Richter, l’attività  si manifesta con diversi fenomeni geotermici ( geyser , sorgenti calde, fango caldo, fumarole), terremoti più numerosi del normale (anche se sono generalmente abbastanza deboli da essere percepiti solo dai sismografi). Il 30 marzo 2014 è stato avvertito un terremoto di magnitudo 4.8 sulla scala Richter. Questo è il più forte terremoto degli ultimi decenni.
  • Il vulcano Kilauea si trova nelle Hawaii ed è uno dei vulcani più attivi sulla Terra, tuttora in eruzione quasi ininterrottamente dal 1983.
  • Mount St. Helens, Washington. L’eruzione catastrofica del 18 maggio 1980 fu preceduta da 2 mesi di intensa attività che comprendeva oltre 10.000 terremoti, centinaia di piccole esplosioni freatiche (esplosione di vapore). Un terremoto di magnitudo 5.1 ha colpito sotto il vulcano alle 08:32 del 18 maggio, mettendo in moto l’eruzione devastante.
  • Long Valley Caldera si trova sul fronte orientale della Sierra Nevada, a circa 300 chilometri a est di San Francisco. Un’enorme eruzione esplosiva circa 700.000 anni fa formò la caldera e produsse flussi piroclastici notevoli.

 

Zone sismiche in Australia e Nuova Zelanda

Zone sismiche Nuova ZelandaAustralia e Nuova Zelanda sono uno studio sul contrasto sismico. Mentre il continente australiano ha un rischio da basso a moderato, l’isola della Nuova Zelanda è un punto caldo con grossi problemi di criticità. Il più potente terremoto della Nuova Zelanda avvenne nel 1855 dell’intensità di 8,2 della scala Richter.

Vulcani più importanti del Continente

  • Kadovar è un isola vulcanica nel Mare di Bismarck, a nord della Nuova Guinea. L’unica eruzione conosciuta del vulcano è iniziata il 6 gennaio 2018, il vulcano emise una nube di cenere la cui colonna eruttiva raggiunse un’altezza di oltre due chilometri.
  • Il Monte Tavurvur tra le sue più importanti eruzioni, quella del 1937,  ha provocato la morte di 507 persone e nel 1994 , in un’esplosione del vulcano, la cenere seppellì la città di Rabaul. La sua attività più recente è stata nell’agosto 2014.
  • Vulcano Ulawun è la montagna più alta dell’arcipelago di Bismarck con 2334 metri e uno dei vulcani più attivi della Papua Nuova Guinea. Diverse migliaia di persone vivono vicino al vulcano.
  • Ruapehu è uno dei vulcani più attivi della Nuova Zelanda.

 

Che dire dell’Antartide?

Antartide sismicità

 

Rispetto agli altri sei continenti, l’Antartide è il meno attivo in termini di terremoti, praticamente zero pericolosità sismica. Parte di questo è dovuto al fatto che molto poco della sua massa terrestre giace sopra o vicino all’incrocio delle placche continentali. Un’eccezione è la regione intorno alla Terra del Fuoco in Sud America, dove la placca antartica incontra la placca della Scozia. Il più grande terremoto dell’Antartide, un evento di magnitudo 8.1, si è verificato nel 1998 nelle Isole Balleny, che sono a sud della Nuova Zelanda. Ma in generale, l’Antartide è sismicamente silenziosa.



ultima modifica: 2018-06-04T22:49:05+00:00

Potrebbero interessarti anche...