La storia del telefono: dalla nascita ai giorni nostri

Probabilmente nel frattempo che inizierai la lettura di quest’articolo hai un telefono fisso a portata di mano. Poco più di 100 anni fa, l’idea di sentire parlare qualcuno in qualsiasi parte del mondo sembrava impossibile.

Come si è evoluta la tecnologia del telefono? Quali saranno i sviluppi futuri. Oggi, spiegheremo la storia del telefono, dalla nascita ai giorni nostri.

Primi telefoni

Se sei un nostro lettore, avrai già sentito parlare di Alexander Graham Bell, l’inventore del telefono nel 1880. Ma Bell non ha inventato questo dispositivo dal nulla: i primi telefoni iniziarono a svilupparsi già nel 1660.



Sì, questi telefoni erano incredibilmente primitivi rispetto al telefono di Bell, ma meritano comunque di essere menzionati.

 

Dispositivi acustici meccanici

I primi telefoni sono definiti più precisamente “dispositivi acustici meccanici“. Invece di trasformare l’energia audio in energia elettrica, questi dispositivi trasmettevano semplicemente dati vocali meccanicamente, come una voce metallica.

Usando questi dispositivi di base, gli utenti possono trasmettere discorsi e musica a distanze superiori a quelle che sarebbero in grado di trasmettere se stavi parlando (o urlando).

Uno degli esempi più noti di questa tecnologia è chiamato telefono del barattolo di latta, noto anche come telefono dell’amante. Sono gli stessi tipi di “telefoni” che hai creato nella scuola elementare quando eri più giovane: colleghi due lattine (o “diaframmi”) usando una corda o un filo teso. Le vibrazioni meccaniche della tua voce viaggiano lungo il filo prima di essere riconvertite in energia sonora all’altro capo della linea.

Il fisico britannico Robert Hooke è stato accreditato come il primo a inventare uno di questi dispositivi. Tra il 1664 e il 1685, Hooke condusse numerosi esperimenti con questi dispositivi. Il primo dispositivo simile a un telefono, era a  corde acustiche.

 

Robert Hooke



1700: lo scienziato teorizza che è possibile trasmettere messaggi attraverso l’elettricità

Nel 1753, uno scienziato scozzese di nome Charles Morrison propose una teoria importante: il poter trasmettere messaggi attraverso l’elettricità usando fili diversi per ogni lettera.

Morrison è accreditato come il primo a teorizzare che possa esistere un telegrafo elettrico.

 



Prima dei telefoni elettrici, avevamo bisogno dei telegrafi

I dispositivi meccanici hanno subito alcune ovvie restrizioni. Non è possibile trasmettere il suono su lunghe distanze. Il suono veniva riprodotto distorto.

Gli inventori sapevano che doveva esserci un modo migliore. A partire dal 1800, inventori come Francisco Salva Campillo e Alexander Graham Bell iniziarono a provare a sviluppare telefoni elettrici.

I telefoni elettrici cercavano di combinare la tecnologia di trasmissione audio dei dispositivi acustici meccanici con la trasmissione di dati elettrici a lunga distanza del telegrafo.

Ma prima, gli inventori dovevano creare e  migliorare i telegrafi elettrici.

Nel 1804, lo scienziato e inventore catalano Francisco Salva Campillo creò un telegrafo elettrochimico. Nel 1832, Baron Schilling migliorò il dispositivo. Due inventori tedeschi crearono il proprio telegrafo elettromagnetico nel 1833.

Nel 1837, Samuel Morse sviluppò autonomamente il proprio telegrafo elettrico e brevettò l’invenzione in America. Il suo assistente, Alfred Vail, ha creato un alfabeto di segnalazione del codice Morse, utilizzato per trasmettere messaggi elettronici. Nel 1838, Morse aveva inviato il primo telegramma americano.



 

Samuel Morse

(27 aprile del 1791 , Charlestown, Massachusetts – 2 aprile del 1872 , New York )

Perché avevamo bisogno di telegrafi elettrici prima del telefono?

Bene, sia il telefono che il telegrafo sono sistemi elettrici a fili. Il telegrafo ha anche aperto la strada ad altre invenzioni successive.

Quando la Bell iniziò a sperimentare l’utilizzo di segnali elettrici per inviare dati audio, il telegrafo è stato un consolidato mezzo di comunicazione per quasi tre decenni.

 

Limitazioni del Telegrafo: Perché è necessario un telefono?

Una delle parti più sconcertanti dell’invenzione del telefono (almeno per il nostro modo di pensare moderno) è che quando Bell ha mostrato per la prima volta il suo telefono, molte persone hanno sostenuto che non avevamo realmente bisogno di un dispositivo del genere. Perché dovresti sentire la voce di qualcuno quando potresti semplicemente mandargli un telegramma?

La verità è che il telegrafo era un sistema estremamente limitato. Il telegrafo era popolare solo perché era l’unico modo per trasmettere messaggi su lunghe distanze solo in quel preciso momento.

I due maggiori problemi con il telegrafo erano il sistema di codice Morse a punti e trattini, che limitava il dispositivo a ricevere e inviare un solo messaggio alla volta, nonché la sua dipendenza dalle linee fisiche. Una pausa in qualsiasi punto della linea, compresi i cavi intercontinentali sottomarini, avrebbe disabilitato il sistema.

sistema di codice Morse a punti e trattini

I telegrafi erano inoltre limitati dal fatto che facevano affidamento sui ripetitori, che dovevano essere collocati lungo la linea del telegrafo per garantire che il segnale potesse raggiungere lunghe distanze. I ripetitori non erano solo stazioni di inoltro automatiche: erano stazioni in cui un tecnico doveva ricevere il segnale, quindi ritrasmettevano quel segnale lungo la linea.

Comprensibilmente, il mondo aveva bisogno di un telefono per migliorare le comunicazioni globali.

 

Chi ha inventato il telefono?

Se qualcuno ti chiedesse chi ha inventato il telefono, probabilmente risponderesti ad Alexander Graham Bell. Ma proprio come gli scolari abituati a imparare che Edison ha inventato l’elettricità, questa storia di invenzione non è sempre vera.

La verità è che c’erano sei diversi inventori che lavoravano sui telefoni elettrici in questo periodo con alti livelli di successo.

Personaggi che hanno contribuito allo sviluppo del telefono

Invenzione del telefono

  Antonio Meucci – Johann Philipp Reis – Alexander Graham Bell

  1. Antonio Meucci , 1854, costruì dispositivi simili al telefono;
  2. Johann Philipp Reis , 1860, costruì prototipi di telefoni, oggi chiamati Reis telephone;
  3. Alexander Graham Bell è stato insignito del primo brevetto statunitense per l’invenzione del telefono nel 1876. Bell usò il suo approccio musicale o di armonia come soluzione pratica ai problemi del telegrafo: il telegrafo armonico di Bell era basato sull’idea che diverse note potevano essere inviate lungo la strada contemporaneamente fintanto che le note o i segnali hanno diverse tonalità;
  4. Elisha Gray , 1876, progettò un telefono usando un microfono ad acqua. Gray e Bell svilupparono le loro invenzioni simultaneamente e in modo indipendente, ed è per questo che questi due avrebbero combattuto una feroce battaglia legale su chi avesse effettivamente inventato il telefono;
  5. Tivadar Puskás propose lo scambio di centralini telefonici nel 1876;
  6. Thomas Edison inventò il microfono a carbone che produceva un forte segnale telefonico.

 

 

Invenzione del telefono

Elisha Gray – Tivadar Puskás – Thomas Edison

Brevetti e Cause legali

Questa storia è ulteriormente confusa dal fatto che questi inventori avrebbero in seguito depositato cause legali l’una contro l’altra. Le affermazioni hanno portato a controdeduzioni e cause legali non è riuscito a chiarire chi esattamente ha inventato cosa.

Tuttavia, grazie ai brevetti statunitensi, sappiamo chi ha inventato il telefono da un punto di vista pratico: i brevetti Bell ed Edison sono stati commercialmente decisivi perché hanno dominato la tecnologia telefonica. Nel corso degli anni, questi brevetti avrebbero resistito a numerose decisioni giudiziarie in tutta l’America.

I sei inventori generalmente accreditati per aver inventato un tipo di dispositivo di telefonia elettrica includono:

Tra tutti gli inventori, la più grande controversia è se Bell o Gray abbiano inventato il telefono. Questi due sono stati i più vicini a creare quelli che conosciamo come telefoni moderni e funzionanti.

C’è stata una notevole quantità di controversie nel corso degli anni sul fatto che Bell o Gray abbiano inventato il telefono. La controversia in realtà è passata prima al Parlamento canadese e alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti.

In definitiva, possiamo tranquillamente dire che il telefono è il lavoro di molte persone. Bell, tuttavia, è accreditato come inventore del primo telefono, soprattutto perché  ha vinto la famosa battaglia legale contro Gray.

 

Bell inventa il telefono

Alexander Graham Bell è nato il 3 marzo 1847 a Edimburgo, in Scozia, era una persona ambiziosa, aveva intenzione di seguire le orme della sua famiglia e perseguire una carriera di alto profilo.

Nel 1875, Bell stava sperimentando il suo unico approccio “armonic telegraph”. Questo approccio ha teorizzato che è possibile inviare più segnali lungo un filo elettrico, purché tali segnali differiscano nel tono.

Ma il 2 giugno 1875, Bell fece una svolta con il suo telegrafo armonico. Durante gli esperimenti, Bell si rese conto che poteva sentire un suono sopra un filo. Il “suono” era una molla  vibrante.

10 mesi dopo, Bell ottenne un successo maggiore. Il 10 marzo 1876, Bell parlò con successo attraverso un telefono al suo assistente nella stanza accanto, dicendo:

Sig. Watson, vieni qui, voglio vederti.

Il resto è storia.

primo telefono

 

La prima linea telefonica è stata costruita nel 1877

Bell utilizzò con successo l’invenzione del suo telefono nel 1876. Nel 1877 fu completata la costruzione della prima linea telefonica regolare tra Boston e Somerville, nel Massachusetts.

La costruzione della linea telefonica è esplosa con una crescita nei prossimi anni. Nel 1880 c’erano 47.900 telefoni in tutta l’America. Nel 1894, New York, Chicago e Boston erano collegate.

Il servizio telefonico transcontinentale, tuttavia, si sviluppo solo nel 19° secolo.

 

I primi centralini telefonici

Il primo centralino telefonico fu creato contemporaneamente alla prima linea telefonica: 1877 a Boston.

Il primo brevetto di centralino telefonico, tuttavia, non fu stabilito fino al 17 gennaio 1882, quando Leroy Firman ricevette il primo brevetto per un centralino telefonico.

Nel 1971, Erna Schneider Hoover aveva brevettato la prima centrale telefonica computerizzata.

Erna Schneider Hoover

Famosa per aver inventato un sistema automatico di commutazione della linea telefonica che impediva il sovraccarico del sistema nelle ore di punta.

Bell Telephone Company

Bell Telephone Company, società che prese il nome di Alexander Graham Bell, fu fondata nel 1878. Oggi conosciamo quella compagnia come American Telephone and Telegraph, o AT & T Corporation, sito ufficiale.

In realtà l’azienda è stata fondata dal suocero di Bell, Gardiner Greene Hubbard, per contenere “brevetti potenzialmente preziosi”, come il brevetto di Bell, il principale telefono (n. 174465).

Verso la metà del 1878, la Bell Telephone Company aveva 10.000 telefoni in servizio. Mentre la base di abbonati della compagnia cresceva, molti americani accusarono la compagnia di gestire un gigantesco monopolio dell’industria telefonica americana.

Bell avrebbe affrontato oltre 600 cause per le sue accuse di pratiche monopolistiche, vincendo tutti i processi.

Più tardi, la società venderà telefoni in tutta Europa e in altre parti del mondo.

Come mai AT & T Corporation non è un’azienda leader oggi nel mercatointernazionale?

Nel 1925, la società stava affrontando notevoli critiche da parte del pubblico per il suo monopolio percepito. In particolare, si pensava che AT & T aumentasse le tariffe degli utenti telefonici nazionali “più alti di quanto dovessero essere” per finanziare le operazioni all’estero in Europa e in Canada.

In seguito all’intervento normativo del governo statunitense, il presidente di AT & T all’epoca decise di cedere tutti gli interessi internazionali della compagnia nel 1925.

Le uniche due parti internazionali della compagnia che non furono cedute nel 1925 furono Bell Telephone Company of Canada (ora chiamata Bell Canada, oggi è la più grande compagnia di telecomunicazioni del Canada , che fornisce telefono cellulare, TV, Internet ad alta velocità e wireless e servizi di telefonia domestica residenziale.) e  la più famosa Northern Electric (ora chiamata Nortel).

logo bell canada

Compagnia di telecomunicazioni del Canada

Storia dei telefoni a pagamento

Il primo telefono pubblico al mondo è stato creato e brevettato da un inventore di nome William Gray di Hartford, nel Connecticut. Il telefono pubblico funzionava a gettoni e fu installato nella Hartford Bank nel 1889.

13 agosto 1889 William Gray

13 agosto 1889: viene brevettato il telefono a gettoni

Scambi, toccare la selezione e selezione rotativa

Il primo quadrante rotante fu inventato nel 1896. Prima di questo,  si doveva premere un pulsante con il numero richiesto per chiamare un numero. Comprensibilmente, il quadrante rotante è stato visto come un’alternativa superiore a questo sistema. Nel 1943, i quadranti rotanti funzionavano generando impulsi in una certa gamma di frequenze in base a dove ruotava la manopola.

Telefono Antico Del Candeliere

I telefoni Candeliere

Furono diffusi per tutto il decennio 1890-1930. Il telefono a forma di candela era diviso in due parti: un bocchino che si trovava in posizione verticale (“il candelabro”) e un ricevitore, che è stato inserito nell’orecchio quando stavi effettuando una chiamata. Negli anni ’30, questi tipi di telefoni furono ritirati, sostituito dal telefono a boccaglio.

 

Telefoni a toni

Il primo telefono a toni fu inventato nel 1941. Questi telefoni utilizzavano toni nella gamma di frequenze vocali, molto diversi dagli impulsi generati dai quadranti rotanti.

 

Telefoni cordless

I telefoni cordless hanno iniziato a influenzare il mercato negli anni ’70. Nel 1986,  venne rilasciato la gamma di frequenze tra 47 e 49 MHz.

Questo ampio intervallo di frequenze significava che i telefoni potevano funzionare in modalità wireless con meno interferenze e meno energia necessaria per funzionare.

Man mano che i telefoni cordless diventavano sempre più popolari, venne concesso un numero sempre maggiore di frequenze ai telefoni cordless. Nel 1994 e nel 1995 è stato introdotto l’ampio spettro digitale (DSS) insieme ai telefoni cordless digitali.

Le tecnologie digitali hanno migliorato la sicurezza dei telefoni cordless. Invece di trasmettere messaggi non crittografati, la tecnologia digitale consentiva una maggiore protezione e meno intercettazioni indesiderate.

In Italia, negli anni novanta i modelli più diffusi utilizzano la modulazione di frequenza (FM) e lavorano sulle frequenze comprese tra i 43 MHz e i 50 MHz .

 

Il primo elenco telefonico

Il primo elenco telefonico fu pubblicato poco dopo l’invenzione della prima linea telefonica al mondo. Quel primo elenco telefonico, pubblicato nel 1878 dalla New Haven District Telephone Company, era lungo solo una pagina e conteneva 50 nomi. Quella prima rubrica telefonica era divisa in quattro sezioni per i servizi residenziali, professionali, vari e “essenziali” elencati.

Nel 1886, l’imprenditore Reuben H. Donnelly aveva prodotto la prima directory aziendale Pagine Gialle, che classificava le aziende in base ai tipi di prodotti e servizi forniti.

elenchi telefonici pagine gialle



ultima modifica: 2018-05-22T22:37:25+00:00

Potrebbero interessarti anche...