La storia dei telefoni cellulari

La tecnologia dei telefoni cellulari si basa sulla tecnologia radio, sviluppata dagli anni ’40 in poi. Ad esempio, l’inizio dei telefoni cellulari può essere ricondotto all’innovazione nei taxi, nelle auto della polizia e in altri veicoli di servizio in cui le radio bidirezionali consentivano ai tassisti o agli agenti di polizia di comunicare tra loro o con una base centrale. Le prime tecnologie di comunicazione cellulare possono anche essere fatte risalire a persone con radio speciali che si collegano a una linea telefonica tramite operatore dal vivo per effettuare una chiamata.

La polizia svedese ha usato il primo telefono cellulare ufficiale nel 1946. La tecnologia era connessa alla rete telefonica ed era distintiva della tecnologia radio bidirezionale. Il telefono non era molto pratico in quanto poteva fare solo 6 telefonate prima che la batteria dell’auto fosse scarica.

Tecnologia moderna

La moderna tecnologia dei telefoni cellulari è iniziata quando DH Ring dei Bell Labs ha creato celle esagonali per telefoni cellulari nel 1947. In seguito, un altro ingegnere dei Bell Labs ha avuto l’idea di torri cellulari che avrebbero trasmesso e ricevuto segnali in tre direzioni anziché due. Tuttavia, sebbene sviluppate alcune tecnologie, l’elettronica e altre tecnologie impiegano decenni per maturare. Ad esempio, l’elettronica utilizzata nei primi telefoni cellulari fù sviluppata per la prima volta negli anni ’60.

Nel 1967, la tecnologia della telefonia mobile era disponibile. Tuttavia, l’utente doveva rimanere all’interno di un’area cellulare. Le aree cellulari che una stazione base ha servito non sono state in grado di trasferire le chiamate da una stazione base all’altra. Mentre gli utenti potevano effettuare una chiamata, non erano in grado di continuare la chiamata dopo aver raggiunto un intervallo prestabilito. Nel 1970, Amos Edward Joel, che era anche ingegnere presso i Bell Labs, sviluppò il sistema di trasferimento delle chiamate. Questa tecnologia ha facilitato le telefonate da un’area all’altra.

Amos Edward Joel

La tecnologia sviluppata, non prima del 1971 che AT&T presentò una richiesta alla FCC per il servizio cellulare. Ci vollero più di 10 anni per l’approvazione e nel 1982 la FCC assegnò le frequenze della banda 824-894 MHZ a Advanced Mobile Phone Service (AMPS). Dal 1982 al 1990, AMPS è stato un servizio analogico, Digital AMPS è arrivato nel 1990.

Nel corso dei decenni, sono esistite molte tecnologie che hanno reso disponibili i telefoni cellulari. Il più delle volte, questi telefoni erano installati nei veicoli a causa dei grandi requisiti della batteria. Ad esempio, l’MTA (sistema di telefonia mobile A) sviluppato da Eriksson era disponibile in Svezia negli anni ’50. Sfortunatamente, pesava oltre 80 chili. 

Telefoni cellulari di prima generazione

Nel 1983, Motorola ha presentato al mondo il primo telefono cellulare veramente portatile. Si chiamava Motorola DynaTAC 8000X. Motorola ha sviluppato la tecnologia per telefoni cellulari per decenni e questo particolare telefono ha impiegato 15 anni per entrare sul mercato al costo di oltre 100 milioni di dollari. Il DynaTAC800X era estremamente leggero per i suoi tempi. Era noto come il mattone per la sua forma, è stato in gran parte passo avanti per la tecnologia mobile del periodo.

Motorola DynaTAC 8000X

Dal 1983 alla fine degli anni ’80, i telefoni cellulari sono cresciuti in popolarità grazie alle innovazioni nelle reti cellulari che sono state in grado di gestire le telefonate in un’area o di trasferirle in altre aree. Mentre la maggior parte dei telefoni cellulari non erano fatti per essere trasportati in mano, ma realizzati per l’installazione permanente in macchina. Per un po’ il termine “car phone” è stato estremamente popolare. Oltre ai telefoni per auto, c’erano alcuni modelli disponibili in configurazioni che si collegavano facilmente alla batteria di un’auto tramite la presa CC. C’erano anche alcuni modelli che venivano forniti come valigette, per contenere batterie di grandi dimensioni necessarie per effettuare chiamate telefoniche.

La storia dei telefoni cellulari

Telefoni cellulari di seconda generazione

I telefoni cellulari dei primi anni ’90 sono considerati di seconda generazione (2G) e sono stati in grado di funzionare su sistemi di telefonia mobile come GSM, IS-136 (TDMA) e IS-95 (CDMA). Le reti digitali utilizzate della telefonia mobile in Europa erano attive nel 1991 e in Italia viene presentata la rete ETACS a 900 MHz. La SIP è il primo operatore cellulare in europa per il numero totale di abbonati. I telefoni cellulari 2G utilizzano trasmissioni a commutazione digitale. In definitiva, ciò ha consentito una segnalazione di rete più rapida, riducendo la quantità di chiamate perse e aumentando la qualità delle chiamate. Poiché le reti digitali 2G erano online per la maggior parte del tempo, hanno sostituito le frequenze delle reti analogiche, rendendole effettivamente obsolete.

SIP è il primo operatore cellulare in europa
La SIP – Società Italiana per l’esercizio telefonico fu la principale azienda di telecomunicazioni italiana, attiva dal 1964 al 1994, poi trasformata in Telecom Italia S.p.A. fonte Wikipedia

I telefoni basati sulla tecnologia 2G erano molto più piccoli dei telefoni in mattoni di metà-fine anni ’80. La maggior parte dei telefoni cellulari 2G erano in genere compresi tra 100 e 200 grammi, inoltre erano dispositivi portatili che erano veramente portatili e non necessitavano di una batteria di grandi dimensioni. I progressi nella tecnologia della batteria e dei chip per computer hanno anche contribuito a rendere i telefoni cellulari 2G molto più piccoli dei loro predecessori. Con queste innovazioni, l’uso del cellulare è salito alle stelle.

Telefoni cellulari di terza generazione

I telefoni cellulari di terza generazione sono la tecnologia attualmente disponibile ed è comunemente definita 3G. Mentre il 3G è arrivato solo pochi anni dopo il 2G, principalmente a causa di molte innovazioni nella tecnologia e nei servizi, gli standard per il 3G sono generalmente diversi a seconda della rete.

Di solito si afferma che il 3G non è necessariamente uno standard rigido, ma è un insieme di requisiti che la maggior parte delle reti e dei fornitori di telefoni cellulari seguono. Esistono due requisiti principali: includono 2 Megabit di velocità dati massima all’interno e 384 kbit per uso esterno. I telefoni cellulari 3G di solito includono innovazioni per ricevere molto più delle telefonate. Ad esempio, il testo SMS è disponibile e alcuni telefoni 3G offrono anche e-mail e accesso a Internet. Le tecnologie stanno continuando a migliorare e nuove innovazioni come lo streaming radio, la TV e il Wifi sono attualmente entrate nel mercato. Nel 1995 nasce OMNITEL che inizia il servizio sperimentale nelle principali città italiane.

Operatori in Italia

Nel corso degli anni, sviluppandosi la tecnologia sono nati diversi operatori di telefonia mobile in Italia. La TIM nel 1995, la Wind nel 1997, la 3 Italia nel 1999, la Blu nel 1999, la Vodafone Italia nel 2003, la Wind Tre nel 2016 e per ultima la Iliad Italia nel 2018.

Gli operatori Wind e Tre nel 2016, tramite una fusione di partnership, la Blu nel 2002 viene assorbita da diversi assets tra Tim, Vodafone, Wind e Tre.

Tecnologie moderne

Nel 2010, nelle telecomunicazioni, viene implementato il 4G è l’acronimo utilizzato per indicare la quarta generazione o la tecnologia (LTE) nella telefonia mobile. È il successore della prima generazione della tecnologia radio, che ha introdotto i messaggi SMS e la connessione alla rete; e il 3G (aumento della velocità e della voce / rete multitasking).

Innovazioni in arrivo

L’International Telecommunication Union (ITU) ha presentato a febbraio 2017 le specifiche della tecnologia 5G sono gli acronimi utilizzati per indicare la quinta generazione di tecnologie di telefonia mobile . È il successore della tecnologia 4G . Attualmente non è standardizzato e le società di telecomunicazioni stanno sviluppando i loro prototipi. Si prevede che il suo uso comune sarà il 2020.

Frequenze di ricezione dei telefoni cellulari