Origine e diffusione dei simboli natalizi

Ogni 25 dicembre, miliardi di persone in tutto il mondo si riuniscono per celebrare la festa del Natale.

Molti dedicano l’occasione alla tradizione cristiana della nascita di Gesù, altri commemorano le antiche usanze dei pagani, popoli indigeni dell’Europa pre-cristiana.

Eppure, altri potrebbero continuare la celebrazione Saturnali (sono un ciclo di festività della religione romana, dedicate all’insediamento nel tempio del dio Saturno. In epoca imperiale si svolgevano dal 17 al 23 dicembre, periodo fissato da Domiziano. Wikipedia, la festa del dio romano dell’agricoltura).



In ogni caso, si può certamente incontrare molti modi diversi di celebrare l’occasione delle festività Natalizie.
Nel corso dei secoli queste tradizioni si sono unite gradualmente per formare la nostra moderna tradizione del Natale.

Oggi molte culture in tutto il mondo celebrano il Natale in maniera diversa. Nella cultura attuale, molte persone hanno familiarità con il presepe, l’albero o con Babbo Natale, ma idealmente, queste tradizioni comuni non sono state sempre così.

Questo ci spinge a fare alcune domande sulla geografia del Natale: da dove vengono le nostre tradizioni natalizie e come sono diventate?

L’elenco delle tradizioni e dei simboli natalizi mondiali è lungo e vario.
In questo articolo sono discussi i tre simboli del Natale, inteso come nascita di Gesù Cristo, l’albero e Babbo Natale.
 

Origine e diffusione dei simboli natalizi

nascita Gesù personaggi

 

 La nascita di Gesù

La natività di Gesù, si svolge durante la stagione primaverile, sebbene una data specifica non sia stata confermata. La storia ci dice che è nato nella città di Betlemme, situata nella moderna Palestina, a sud di Gerusalemme. Lì, fu visitato poco dopo dai Re magi, con doni d’oro, incenso e mirra.

Il Natale fù designato come nascita di Gesù nel IV secolo. Durante questo periodo, il cristianesimo stava appena iniziando a definirsi e le festività cristiane furono integrate nelle tradizioni pagane per facilitare l’adozione delle nuove credenze religiose. Il cristianesimo si è diffuso verso l’esterno da questa regione attraverso l’opera di evangelizzazione in tutto il mondo. Anche le culture che adottarono il cristianesimo adottarono la celebrazione del Natale.



 

babbo natale

 



Babbo Natale

La leggenda di Babbo Natale è iniziata nel quarto secolo in Asia Minore (l’odierna Turchia). Lì, nella città di Myra, un giovane vescovo, chiamato Nicholas, si guadagnò una reputazione di gentilezza e generosità distribuendo doni e regali ai meno fortunati. Si racconta che fermò la vendita di tre giovani donne in schiavitù, fornendo abbastanza oro per fare una dote matrimoniale per ciascuno delle fanciulle.

Secondo la storia, ha gettato l’oro attraverso la finestra ed è atterrato in una calza che si asciugava vicino al fuoco. Col passare del tempo, la voce si diffuse per la generosità del vescovo Nicholas e i bambini iniziarono ad appendere le calze accanto al fuoco nella speranza che il buon vescovo potesse fare loro visita.
Il vescovo Nicholas morì il 6 dicembre del 343 Fu canonizzato come santo poco tempo dopo e il giorno della festa di San Nicola è celebrato nell’anniversario della sua morte. Quando i coloni olandesi arrivarono negli Stati Uniti, la pronuncia divenne “anglicanizzata” e trasformata in Babbo Natale, che rimane con noi oggi. Poco si sa su cosa fosse l’aspetto di San Nicola. Rappresentazioni di lui spesso raffiguravano un personaggio alto e magro in un abito incappucciato con una barba grigiastra
Nel 1822, un professore teologico americano, Clement C. Moore, scrisse un poema “Una visita da San Nicola” (più popolarmente noto come “La notte prima di Natale“). Nel poema descrive “Saint Nick” era un elfo allegro con una pancia rotonda e una barba bianca. Nel 1881, un disegnatore americano, Thomas Nast, disegnò una foto di Babbo Natale usando la descrizione di Moore. Il suo disegno ci ha regalato l’immagine moderna di Babbo Natale.
 

Albero di Natale

 

Albero di Natale

L’origine dell’albero di Natale proviene dalla Germania. In epoca pre-cristiana, i pagani celebravano il solstizio d’inverno, spesso decorando con rami di pino perché erano sempre verdi (da qui il termine sempreverde). I rami erano spesso decorati con frutta, soprattutto con mele e noci. L’evoluzione dell’albero sempreverde nel moderno albero di Natale inizia con Saint Boniface, in missione in Gran Bretagna (l’odierna Inghilterra) attraverso le foreste del Nord Europa. Era lì per evangelizzare e convertire i popoli pagani al cristianesimo.

Racconti dicono che è intervenuto nel sacrificio di un bambino ai piedi di una quercia (le querce sono associate al dio nordico Thor). Dopo aver interrotto il sacrificio, incoraggiò la gente a riunirsi attorno all’albero sempreverde e distogliere l’attenzione dai sacrifici cruenti agli atti di donazione e gentilezza. La gente lo ha fatto e la tradizione dell’albero di Natale nacque. Per secoli, è rimasta per lo più una tradizione tedesca.



La diffusione diffusa dell’albero di Natale in aree al di fuori della Germania non accadde fino a quando la regina Vittoria d’Inghilterra sposò il principe Albert di Germania.
Albert si trasferì in Inghilterra e portò con sé le sue tradizioni natalizie tedesche. L’idea dell’albero di Natale divenne popolare nell’Inghilterra vittoriana dopo che un’illustrazione della famiglia reale attorno al loro albero fu pubblicata nel 1848. La tradizione si diffuse rapidamente in tutta Europa.
 

Conclusione

Il Natale è una festa storica che mescola antiche usanze pagane con le più recenti tradizioni del cristianesimo. È anche un viaggio interessante in tutto il mondo, una storia geografica che ha avuto origine in molti luoghi, in particolare in Persia e Roma.

 

cometa tre re magi

 

Ci racconta dei tre Magi dall’Oriente che visitano il bambino Gesù in Palestina, il ricordo di buone azioni di un vescovo greco che vive in Turchia, il fervente lavoro di un missionario britannico che viaggia attraverso la Germania, un poema per bambini di un teologo americano e le vignette di un artista nato in Germania. Tutta questa varietà contribuisce alla natura festiva del Natale, che è ciò che rende la vacanza un’occasione così eccitante.

È interessante notare che, quando ci fermiamo a ricordare perché abbiamo queste tradizioni, dobbiamo ringraziare la geografia di tutto il mondo.

Potrebbero interessarti anche...