Halloween classici film horror

Quando qualcuno pensa ad Halloween e ai mostri classici dei film horror di tutti i tempi che lo perseguitano, solo tre nomi vengono alla ribalta, e non sono Freddy, Jason e Michael. Queste erano le creature originali della notte che perseguitavano i nostri sogni in un glorioso bianco e nero. Si sono scatenati nei cinema e hanno devastato i cinema drive-in. Sono diventati i re dello show televisivo, anche dopo 70 anni dalle loro uscite originali, i loro video e DVD sono ancora molto venduti.

Loro chi sono?

Chi altri se non Frankenstein, Dracula e l’uomo lupo!

Frankenstein vs Dracula

Frankenstein e Dracula erano personaggi che provengono dalla letteratura. Frankenstein iniziò come un gioco nel 1816, interpretato da Mary Shelley, dal poeta Percy Shelley e da un noto scrittore dell’epoca di nome Lord Byron. Fu in una notte spazzata dalla tempesta che Lord Byron suggerì una competizione in cui ognuno di loro avrebbe scritto una storia di fantasmi per vedere quale avrebbe potuto produrre la più terrificante. Byron ha inventato una storia chiamata The Vampyre. Ma Mary ha superato tutti con la sua storia del moderno Prometeo, come lo chiamava, Frankenstein. Sebbene gli editori fossero inizialmente riluttanti a stampare questo ritratto “blasfemo” di un uomo che interpreta Dio usando la scienza per creare un mostro vivente da parti cucite insieme di esseri umani morti.

Una fama simile attendeva lo scrittore inglese Bram Stoker quando estrasse la penna e iniziò a raccontare le subdole azioni del conte della Transilvania noto come Dracula. Influenzato da storie come Bryons Vampyre e antiche leggende di creature empie in agguato nei cupi Carpazi della Romania, Stoker ha basato il suo personaggio su un nefasto nobile rumeno chiamato Principe Vlad, l’Impalatore. Quello che ha inventato è stato Dracula. Il romanzo è stato salutato come l’apice dell’orrore quando è stato pubblicato nel 1897. Come il suo predecessore, Frankenstein, non è mai stato esaurito.

Bram Stoker dracula

Non sorprende che questi terrori non si accontentino di rimanere semplicemente sulla pagina stampata. Entrambi sono diventati i soggetti di una pletora di produzioni teatrali sia in Europa che negli Stati Uniti. Quando quella nuova meraviglia, le immagini in movimento, è arrivata all’inizio del XX secolo, sia Frankenstein che Dracula hanno trovato la loro strada sullo schermo tremolante nelle versioni silenziose dei libri e delle opere teatrali che li hanno generati. In effetti, Frankenstein fu il primo film realizzato dall’inventore del cinema Thomas Alva Edison come cortometraggio nel 1917. Pochi anni dopo, nel 1922, il regista tedesco FM Murnau realizzò una visione oscura e inquietante di Dracula.

Ma non è stato fino al 1931 che l’intero orrore di questi racconti ha letteralmente picchiato gli spettatori in attacchi di incubi. Quello fu l’anno in cui gli Universal Studios pubblicò il primo dei suoi classici film con creature, Dracula, diretto da Ted Browning, basato sull’omonima commedia pluripremiata (piuttosto che sul romanzo di Stoker) e con l’attore ungherese Bela Lugosi, che aveva reso lo spettacolo un grande successo a Broadway. Sulla scia dell’incredibile successo del conte dei non morti, la Universal ha incaricato il regista James Whale di portare sullo schermo Frankenstein. Con Colin Clive nei panni dello scienziato ossessivo, Dwight Frye (che ha interpretato Renfield in Dracula) come suo assistente.

Film di Hallowen per adulti

Con questo tipo di risposta da parte degli spettatori, è ovvio che ci sarebbero dei sequel. Il sequel di Frankenstein arrivò quattro anni dopo con l’uscita di La sposa di Frankenstein nel 1935. Con James Whale tornato al timone e sia Colin Clive che Boris Karloff che riprendevano i loro ruoli originali, la maggior parte dei critici trovava La sposa di Frankenstein di gran lunga superiore all’originale , e alcuni lo hanno salutato come il più grande film di mostri mai realizzato.

frankenstein film 1931

La sposa di Frankenstein ha offerto più di un paio di colpi di scena insoliti. Inizia in un elegante modo inglese in una notte tempestosa, ricreando la scena in cui Mary Shelley concepì il suo orribile mostro. Mary, interpretata da Elsa Lancanster, che in seguito appare come la futura sposa del mostro, racconta ai suoi compagni, Shelly e Byron, che la sua storia non è finita quando la gente della città ha dato fuoco al mulino a vento, e l’azione ricomincia rovine fumanti. Il mostro è sopravvissuto cadendo in una pozza sotto il mulino e i poveri cittadini scoprono presto che è di nuovo a piede libero.

 Viene catturato, scappa, fa amicizia con un contadino cieco che gli insegna a parlare, viene portato via e infine entra in contatto con un altro scienziato pazzo, il dottor Pretorious interpretato fino in fondo da Ernest Tesiger che convince il dottor Frankenstein a continuare la sua esperienza.

La sposa di Frankenstein ha anche dato a Boris Karloff molto altro da fare come mostro. Il suo ruolo di parlatore ha aggiunto ancora più pathos al mostro incompreso, e ne risulta molto più amaro che malvagio in realtà. Sebbene parli anche il mostro di Karloff nel terzo capitolo della serie, Figlio di Frankenstein, le battute finiscono lì. Per quanto riguarda il pubblico, sembra che preferissero che i loro incubi fossero visti e non ascoltati.

Frankenstein e Dracula hanno trasformato Boris Karloff e Bela Lugosi nei grandi successi dell’horror di Hollywood. E non sarebbe stato fino al 1941 che apparve un contendente per la corona. È arrivato nei panni di Lon Chaney, Jr., nel ruolo del protagonista nel nuovo pezzo di follia dei film di mostri degli Universal Studios, The Wolf Man. Basato su antiche leggende di umani mutaforma che diventano la personificazione di maledizioni malvagie, The Wolf Man ha dato nuova vita all’orrore, per non parlare del botteghino. Deliziosamente scritta da Curt Siodmak e diretta da George Waggoner, questa visione cupa e lunatica dell’horror ha abbinato Chaney a Claude Reins nei panni del suo ostinato padre, Bela Lug.

Serie horror di Universal

Mentre Dracula e L’uomo lupo furono successi solitari (il sequel di Dracula, Dracula’s Daughter, non includeva Lugosi era considerato una delusione abissale) ci furono otto film nella serie horror di Universal Frankenstein dal 1931 al 1949. È interessante notare che il sequel di L’Uomo Lupo e la ricomparsa di Dracula erano tra questi. Gli otto film erano Frankenstein (1931); La sposa di Frankenstein (1935); Il figlio di Frankenstein (1939); Il fantasma di Frankenstein.

LUPO MANNARO DEL FILM VAN HELSING

Dopo il successo di Bride, Son of Frankenstein, Basil Rathbone interpretava il figlio adulto di Henry Frankenstein che trova il mostro in agguato nei terreni di famiglia affidato alle cure di un gobbo di nome Igor, interpretato da Bela Lugosi. Anche se il mostro viene ucciso in una vasca di fango bollente, Igor lo tira fuori in Ghost of Frankenstein e lascia il compito di occuparsi di lui all’altro figlio di Frankenstein, interpretato da Lionel Atwell, che ha interpretato il conestabile con un braccio solo in Il figlio di Frankenstein. Atwell trapianta il cervello di Igor nel mostro alla fine di Ghost of Frankenstein, ma non funziona molto bene. Questo è il motivo per cui Lon Chaney, Jr. lo trova su ghiaccio e Abbott e Costello di grande successo incontrano Frankenstein.

Durante la serie, le star principali sono diventate più o meno intercambiabili. Prendi il ruolo del mostro per esempio. Sebbene Boris Karloff sia meglio conosciuto come il mostro di Frankenstein, ha interpretato il pesante colosso solo nei primi tre film. Lon Chaney, Jr in Ghost of Frankenstein, ha assunto il ruolo ma è tornato al ruolo dell’Uomo Lupo, Larry Talbot, nel prossimo sequel. Bela Lugosi si è calata nei panni del mostro in Frankenstein Meets the Wolf man. Anche se i produttori dell’originale Frankenstein avevano offerto il ruolo del mostro a Lugosi sulla scia del suo successo in Dracula, la sua interpretazione legnosa e scialba.

Ma se Karloff aveva finito con il mostro dopo Il figlio di Frankenstein, non aveva finito con la serie. Tornò in La casa di Frankenstein, come scienziato pazzo vendicativo. Ma ha rifiutato la possibilità di tornare un’ultima volta al ruolo che lo ha reso famoso in Abbott and Costello Meet Frankenstein. Anche se Lugosi è tornato nei panni di Dracula e Lon Chaney, Jr. ha ripreso il ruolo di uomo lupo, Karloff credeva che il film sarebbe stato una bomba irrispettosa e ha rifiutato il ruolo del mostro. Ma si sbagliava. Presentato per la prima volta alla fine del 1948, Abbott and Costello Meet Frankenstein non solo ricevette recensioni entusiastiche, ma divenne il blockbust a sorpresa

Mentre Lon Chaney, Jr interpretava diversi mostri della Universal, tra cui Frankenstein e la mummia, considerava il suo ruolo di Larry Talbot l’apice della sua carriera, ed era uno di quelli che gli piaceva per il lungo periodo. Apparso per la prima volta come Talbot torturato in L’uomo lupo, ha fatto il suo ritorno canino in Frankenstein Meets the Wolf man, House of Frankenstein, House of Dracula e Abbott e Costello Meet Frankenstein. Sebbene durante la serie sia stato bastonato da un bastone dal manico d’argento, sepolto in un castello in rovina, congelato nel ghiaccio, colpito da un proiettile d’argento e spazzato via, insieme al conte Dracula, nei mari infuriati dopo un tuffo dalle mura di un castello, alla saga dell’uomo lupo.

Nel frattempo, Bela Lugosi, che era così intimamente legato al suo ruolo di Conte Dracula da essere sepolto nel suo mantello originale, non era così fedele al ruolo che ha fatto la sua carriera. Ha interpretato il famoso Conte solo due volte. Sebbene Lugosi abbia interpretato i vampiri in molti film nel corso della sua carriera, culminati con un’apparizione finale in Plan Nine from Outer Space di Ed Wood, ha interpretato solo il Conte in Dracula e Abbott e Costello Meet Frankenstein. In La casa di Frankenstein e La casa di Dracula, l’attore John Carradine ha interpretato gratuitamente il Conte. Anche se il ritratto di Carradine ha fatto il leggendario Conte, va solo a dimostrare che l’unica cosa che può davvero uccidere un mostro cinematografico è il cattivo botteghino.

Altro su Halloween

fantasma con le zucche

Canzoni
Cartoline
Copertine
Cornici
Font – Caratteri
Frasi
Scritte
Suoni Effetti