Il funzionamento del Potenziometro



Un potenziometro è un componente elettrico che agisce come divisore di tensione variabile. Di solito hanno tre terminali, uno dei quali è collegato con la manopola di regolazione. Un potenziometro con due terminali è un resistore variabile, chiamato un reostato. Esistono potenziometri di diverse forme, tra cui rotativi, trimmer, cursori e multipli.



simbolo potenziometro

(in alto, simbolo europeo ed internazionale.



Tipi potenziometri


I potenziometri rotativi possiedono un contatto semicircolare realizzato con un materiale resistivo, come ad esempio la grafite. Ogni estremità del contatto è collegato ad un terminale, e la tensione viene applicata attraverso i terminali. L’albero è collegato ad un altro contatto che si muove attraverso la superficie del contratto collegato al terzo terminale. La tensione a questo terminale d’uscita dipende dalla posizione dell’albero, a condizione che la tensione ai capi dei due terminali d’ingresso rimane costante.

<L’utente agisce su di loro per variare i parametri operativi normali. Ad esempio, il controllo del volume audio di un dispositivo.

I potenziometri trimmer, chiamati semplicemente trimmer, sono le versioni che vengono utilizzati nei circuiti elettronici per mettere a punto i livelli di tensione, solitamente la loro regolazione è impostata in fabbrica e raramente si possono regolate di nuovo, la regolazione avviene con un cacciavite, perché non hanno presente l’albero di rotazione.

I potenziometri scorrevoli, detti anche fader, hanno una sezione retta, realizzati con materiale resistivo tra due terminali e un contatto che si muove lungo il terzo terminale.

I potenziometri digitali sono programmi software che utilizzano un computer per eseguire le regolazioni di tensione minori senza bisogno di parti meccaniche, sono comunemente usati nella produzione musicale.

I potenziometri possono avere una variazione:

  1. lineare, di cui la resistenza è direttamente proporzionale all’angolo di rotazione.
  2. logaritmica la resistenza dipende l’angolo di rotazione in modo logaritmico.
  3. sinusoidale la resistenza è proporzionale al seno dell’angolo di rotazione.

Tra la loro posizione e resistenza, a seconda della costruzione dell’elemento si ottiene dai materiali resistivi.



Applicazioni potenziometri


Potenziometri sono dispositivi compatti, usati per regolare la tensione in punti specifici del circuito, comunemente sono utilizzati per controllare l’uscita audio di radio e televisioni. Volume, bassi, alti, e il bilanciamento dei diffusori sono tutti regolati con potenziometri. Inoltre possono controllare la luminosità, il contrasto e il bilanciamento del colore nei televisori. Reostati sono utilizzati come dimmer di luce per controllare la corrente da erogare per le lampade.

I principali produttori sono Maxim, Intersil e Analog Devices, questi dispositivi hanno le stesse limitazioni dei convertitori DAC (Convertitore digitale-analogico) come la corrente massima che può defluire.

Nell’immagine in basso possiamo notare il funzionamento del potenziometro, ruotando albero centrale varia la resistenza

simulazione del funzionamento del potenziometro



Codici


I potenziometri hanno codici che consentono l’identificazione.

La resistenza è di solito indicata esplicitamente in ohm (ad esempio 500K per 500.000 Ω ). I trimmer , notazione con tre cifre, le prime due sono le figure significative e l’ultimo moltiplicatore.

Ad esempio: il codice ‘501‘ corrisponde a 50 • 10 1 o 500 Ω . Il codice 103 è 10 • 10 3 , ​​o 10 kW .

Ricordiamo che i potenziometri possono convertire lo spostamento o la rotazione di altre grandezze fisiche come la resistenza, la tensione e la corrente. Se usiamo il potenziometro come resistenza variabile al fine di modificare l’intensità di corrente. Questo dispositivo viene chiamato un reostato.

 

Come sempre, aggiunte e correzioni sono i benvenuti.

 





Altro sull'elettronica




© riproduzione riservata
ultimo aggiornamento: 30 Marzo 2016