Tabelle dei Comandi ms dos per Windows

 
comandi doscomandi dosms doscomandi  filelista comandicomandi  windowsservizi windowsutility windowsconfigurare i servizi  windowscomando net
 
Caratteri jolly:

* Sostituisce una stringa di caratteri (che può essere il nome del file o l'estensione).

@ Nasconde un comando (cioè che non lo visualizza nel prompt).

& Unisce due comandi nella stessa stringa.

Avvertenze sulla sintassi: Le opzioni tra parentesi quadre
[ ] possono essere omesse.

 

Indice dei comandi dos

 

Echo, Endlocal, Erase, Exit, Fc, Find, FindStR, For, Format, Ftype, Goto,Graftabl, Help

Altri Comandi Dos >>


 

ECHO Visualizza messaggi o attiva e disattiva l'eco dei comandi.

ECHO [ON|OFF]
ECHO [messaggio]

Digitare ECHO senza parametri per visualizzare l'impostazione corrente.

 

ENDLOCAL Termina la localizzazione di modifiche di ambiente in un file batch.

se il corrispondente comando SETLOCAL aveva abilitato o disabilitato le estensioni ai comandi utilizzando le nuove opzioni ENABLEEXTENSIONS o DISABLEEXTENSIONS, dopo l'esecuzione di ENDLOCAL sarà ripristinato lo stato (abilitato\disabilitato) precedente all'esecuzione del SETLOCAL corrispondente.

 

ERASE Elimina uno o più file.

DEL [/P] [/F] [/S] [/Q] [/A[[:]attributi]] nomefile
ERASE [/P] [/F] [/S] [/Q] [/A[[:]attributi]] nomefile

nomefile Specifica un elenco di uno o più file odirectory. Usare i caratteri jolly per eliminare più file.
Specificando una directory, tutti i file al suo interno saranno eliminati.

/P Chiede conferma prima di eliminare ogni file.
/F Forza l'eliminazione dei file di sola lettura.
/S Elimina i file specificati da tutte le sottodirectory.
/Q Modalità silenziosa, non chiede conferma per eliminazioni globali.
/A Seleziona i file da eliminare in base agli attributi. attributi R File di sola lettura S File di sistema
H File nascosti A File di archivio - Prefisso per negare l'attributo

Se le estensioni ai comandi sono abilitate, DEL e ERASE saranno modificati come segue:

la semantica di visualizzazione del'opzione /S viene modificata e vengono mostra ti solo
i file che vengono eliminati, non quelli che è impossibile trovare.

 

EXIT> Termina il programma CMD.EXE (interprete dei comandi).

 /B specifica la terminazione del batch corrente invece di CMD.EXE. Se eseguito al di fuori di uno script batch, terminerà CMD.EXE

exitCode specifica un numero. se /B è specificato, imposta ERRORLEVEL a tale numero. Se si termina CMD.EXE, imposta il codice di uscita del processo a tale numero.

 
FC Confronta due file o gruppi di file e visualizza le differenze tra di essi.

FC [/A] [/C] [/L] [/LBn] [/N] [/T] [/U] [/W] [/nnnn] [unità1:][percorso1]file1 [unità2:][percorso2]file2
FC /B [unità1:][percorso1]file1 [unità2:][percorso2]file2

/A Visualizza solo la prima e l'ultima riga per ogni insieme di\n differenze.
/B Esegue un confronto binario.
/C Ignora maiuscole/minuscole.
/L Confronta i file come testo ASCII.
/LBn Imposta il numero massimo di corrispondenze mancate consecutive al numero di righe specificato.
/N Visualizza i numeri di riga in un confronto ASCII.
/OFF[LINE] Non ignora i file in cui è impostato l'attributo non in linea.
/T Non espande le tabulazioni in spazi.
/U Confronta i file come file di testo UNICODE.
/W Comprime gli spazi bianchi (tabulazioni e spazi) per il confronto.
/nnnn Specifica il numero consecutivo di righe che devono corrispondere dopo una mancata corrispondenza.
[unità1:][perc1]nomefile1
Specifica il primo file o gruppo di file da confrontare.
[unità2:][perc2]nomefile2 Specifica il secondo file o gruppo di file da confrontare.

 

FIND Ricerca una stringa di testo in un file o file.

FIND [/V] [/C] [/N] [/I] [/OFF[LINE]] "stringa" [[unità:][percorso]nomefile[ ...
]]

/V Visualizza le righe NON contenenti la stringa specificata.
/C Visualizza solo il conteggio delle righe contenenti la stringa.
/N Visualizza i numeri delle righe visualizzate.
/I Ignora maiuscole/minuscole durante la ricerca della stringa.
/OFF[LINE] Non ignora i file in cui è impostato l'attributo non in linea.
"stringa" Specifica la stringa di testo da cercare.
[unità:][percorso]nomefile Specifica uno o più file in cui ricercare.

Se non viene specificato il percorso, FIND cerca il testo digitato al prompt dei comandi o reindirizzato da un altro comando.

 

FINDSTR Ricerca stringhe in file.

FINDSTR [/B] [/E] [/L] [/R] [/S] [/I] [/X] [/V] [/N] [/M] [/O] [/P] [/F:file]
[/C:stringa] [/G:file] [/D:elenco dir] [/A:attributi colori] [/OFF[LINE]
]
stringhe [[unità:][percorso]nomefile[ ...]]

/B Ricerca l'elemento all'inizio della riga.
/E Ricerca l'elemento alla fine della riga.
/L Utilizza le stringhe di ricerca letteralmente.
/R Utilizza le stringhe di ricerca come espressioni regolari.
/S Ricerca i file nella directory corrente e in tutte le sottodirectory.
/I Specifica che la ricerca non deve distringuere tra maiuscole e minuscole.
/X Stampa le righe esattamente corrispondenti.
/V Stampa solo le righe che non contengono corrispondenze.
/N Stampa il numero della riga precedente a quella corrispondente.
/M Stampa solo il nome fle se il file contiene una corrispondenza.
/O Stampa l'offset carattere prima di ogni riga corrispondente.
/P Ignora i file con caratteri non stampabili.
/OFF[LINE] Non ignora i file in cui è impostato l'attributo non in linea.
/A:attr Specifica attributo colori con due cifre esadecimali. Vedere "color /?"
/F:file Legge l'elenco file dal file specificato (/ sta per console).
/C:stringa Utilizza la stringa specificata per una ricerca letterale.
/G:file Rileva le stringe di ricerca dal file specificato (/ sta per console).
/D:dir Ricerca un elenco di stringhe di directory delimitato da punto e virgola. stringhe Testo da ricercare.
[unità:][percorso]nomefile Specifica i file da ricercare.

Usare spazi per separare le stringhe per ricerche multiple a meno che l'argomento sia preceduto da /C. Per esempio, 'FINDSTR "ciao là" x.y' ricerca "ciao" o "là" nel file x.y. 'FINDSTR /C:"ciao là" x.y' ricerca "ciao là" nel file x.y.

Riferimento rapido di espressione regolare:
. Carattere jolly: qualsiasi
* Ripetere: zero o più occorrenze di carattere o classe precedente
^ Posizione riga: inizio riga
$ Posizione riga: fine riga
[classe] Classe carattere: qualsiasi carattere dell'insieme
[^class] Classe inversa: qualsiasi carattere non nell'insieme
[x-y] Intervallo: qualsiasi carattere nell'intervallo specificato
\x Escape: uso letterale del metacarattere x
\<xyz Posizione parola: inizio parola
xyz\> Posizione parola: fine parola

Per le informazioni complete sulle espressioni regolari di FINDSTR fare riferimento alla Guida comandi in linea.

 

FOR Esegue un comando specificato per ogni file in un gruppo di file.

FOR %variabile IN (gruppo) DO comando [parametri del comando]

%variabile Indica un parametro sostituibile composto da una sola lettera.
(gruppo) Indica gruppo di uno o più file. Si possono usare caratteri jolly.
comando Specifica il comando da eseguire per ciascun file. parametri del comando
Indica i parametri o le opzioni del comando specificato. Per usare FOR in un programma batch, utilizzare la sintassi %%variabile anziché %variabile. Le variabili possono essere differenziate utilizzando lettere maiuscole e minuscole. Esempio: %i è diversa da %I.

Se le estensioni ai comandi sono attivate è possibile utilizzare le seguenti opzioni per il comando FOR:

FOR /D %variabile IN (gruppo) DO comando [parametri-comando]

Se gruppo contiene dei caratteri jolly, vengono utilizzati nomi di directory invece di nomi di file.

FOR /R [[unità:]percorso] %variabile IN (gruppo) DO comando [parametri-comando]

Nella struttura della directory, a partire da [unità:]percorso, esegue l'istruzione FOR in ogni directory della struttura. Se dopo /R non viene specificato alcun percorso la directory corrente è assunta come iniziale. Se per il parametro gruppo si usa solo un carattere punto (.)saranno elencate le directory nella struttura della directory specificata.

FOR /L %variabile IN (inizio,incremento,fine) DO comando [parametri-comando]

Il gruppo è la sequenza dei numeri da inizio a fine con differenza, tra un numero e il successivo, pari a incremento.
Per esempio: (1,1,5) genererà 1 2 3 4 5 e (5,-1,1) genererà la sequenza
(5 4 3 2 1)

FOR /F ["opzioni"] %variabile IN (gruppofile) DO comando [parametri-comando]
FOR /F ["opzioni"] %variabile IN ("stringa") DO comando [parametri-comando]
FOR /F ["opzioni"] %variabile IN ("comando") DO comando [parametri-comando]

o, se l'opzione usebackq è presente:

FOR /F ["opzioni"] %variabile IN (gruppofile) DO comando [parametri-comando]
FOR /F ["opzioni"] %variabile IN ("stringa") DO comando [parametri-comando]
FOR /F ["opzioni"] %variabile IN ("comando") DO comando [parametri-comando]


gruppofile contiene uno o più nomi di file. Ciascun file sarà aperto, letto ed elaborato prima di passare al file successivo in gruppofile. L'elaborazione consiste nel leggere il file, suddividerlo nelle singole righe di testo e scomporre ciascuna riga negli eventuali token che vi sono contenuti. Il comando all'interno del ciclo viene dunque richiamato utilizzando, come valori delle variabili, le stringhe dei token trovati. La modalità predefinita prevede che /F passi il primo token delimitato da
spazi di ogni riga di ogni file. Le righe vuote sono scartate. La scomposizione in token può essere modificata specificando il parametro facoltativo "opzioni". Il parametro deve essere una stringa tra virgolette contenente una o più parole chiave che specifichino diversi parametri per la scomposizione in token. Le parole chiave sono:

eol=c - specifica il carattere che precede un commento alla fine di una riga (solo uno)
skip=n - specifica il numero di righe all'inizio del file che devono essere ignorate.
delims=xxx - specifica un insieme di delimitatori. Questo insieme sostituisce i delimitatori predefiniti (spazi e tabulazioni).
tokens=x,y,m-n - specifica quali token appartenenti a una riga devono essere passati al comando ad ogni iterazione. L'opzione richiede l'utilizzo di nomi di variabili aggiuntivi. L'espressione m-n indica i token dall'm-esimo all'n-esimo. Se l'ultimo carattere, nella stringa tokens=, è un asterisco viene
allocata una variabile aggiuntiva cui sarà assegnato il testo rimanente dopo l'assegnazione
dell'ultimo token.

usebackq - specifica che le nuove modalità sono attive, dove una stringa con apici inversi è eseguita come un comando e una stringa con apici singoli è una stringa di comando che consente l'utilizzo del doppio apice per i nomi file in un gruppofile.

Esempi:

FOR /F "eol=; tokens=2,3* delims=, " %i in (myfile.txt) do @echo %i %j %k

analizza ogni riga in miofile.txt, ignorando le righe che cominciano con punto e virgola, passando il secondo e terzo token da ciascuna riga al corpo di for, con i token delimitati da virgole e/o spazi. Da notare il riferimento %i delle istruzioni del corpo di for di ottenere il secondo token, %j di ottene
re il terzo token, e %k di ottenere i token rimanenti dopo il terzo. Per i nomi file che contengono spazi, è necessario racchiudere i nomi file entro virgolette. In questo caso, è anche importante
utilizzare l'opzione usebackq, altrimenti le virgolette saranno interpretate come la definizione di una stringa letterale da analizzare.

%i è esplicitamente dichiarato nell'istruzione for e %j e %k sono dichiarati per via implicita mediante l'opzione tokens=. È possibile specificare fino a 26 token mediante la riga tokens=, a condizione che non causi un tentativo di dichiarare una variabile più alta della lettera "z" o "Z". Ricordare che le variabili FOR sono composte da una sola lettera, seguono la distinzione maiuscole/minuscole, sono globali e non è possibile che ve ne siano più di 52 attivi contemporaneamente.

È inoltre possibile utilizzare la logica di analisi FOR /F trasformando il gruppo di nomi file tra parentesi in una stringa utilizzando delle semplici virgolette. La stringa sarà trattata come riga di input
unica da un file, e quindi analizzata.

Infine, è possibile usare il comando FOR /F per analizzare l'output di un comando trasformando il gruppo di nomi file tra parentesi in una stringa con virgolette inverse. La stringa sarà trattata c
ome una riga di comando passata a un figlio CMD.EXE, l'output è acquisito in memoria e analizzato come fosse un file. Pertanto il seguente esempio:

FOR /F "usebackq delims==" %i IN (`set`) DO @echo %i

enumera i nomi di variabili nell'ambiente corrente.

Sono stati anche migliorati i riferimenti alla avariabile FOR. YÈ ora possibile utilizzare la seguente sintassi:

%~I - espande %I rimuovendo le virgolette (")
%~fI - espande %I rendendolo un nome di percorso completo
%~dI - espande %I solo a lettera di unità
%~pI - espande %I solo a percorso
%~nI - espande %I solo a nome file
%~xI - espande %I solo a estensione file
%~sI - il percorso espanso contiene solo nomi brevi
%~aI - espande %I ad attributi file
%~tI - espande %I a data/ora file
%~zI - espande %I a dimensioni file
%~$PATH:I - ricerca nelle directory elencate nella variabile di ambiente PATH ed espande %I al
primo nome completo incontrato. Se la variabile di ambiente non è definita o il file non è trovato nella ricerca, questo carattere di modifica espande alla prima stringa vuota

I caratteri di modifica possono essere combinati insieme:

%~dpI - espande %I solo a lettera di unità e percorso
%~nxI - espande %I solo a nome file e estensione
%~fsI - espande %I solo a nome di percorso completo con nomi brevi
%~dp$PATH:i - ricerca nelle directory elencate nella variabile di
ambiente PATH per %I ed espande ai primi lettera di unità e percorso trovati.
%~ftzaI - espande %I a una DIR come riga di output

Negli esempi citati %I e PATH possono essere sostituiti da altri valori validi. La sintassi %~ viene terminata con un nome di variabile FOR valido. Scegliendo nomi di variabile con caratteri maiuscoli come %I il testo diventa più leggibile ed evita confusione con i caratteri di modifica, che non seguono la distinzione mai maiuscole/minuscole.

 

FORMAT Formatta un disco per l'utilizzo con Windows.

FORMAT unità: [/FS:file-system] [/V:etichetta] [/Q] [/A:dimensione][/C]
FORMAT unità: [/V:etichetta] [/Q] [/F:dimensione]
FORMAT unità: [/V:etichetta] [/Q] [/T:tracce /N:settori]
FORMAT unità: [/V:etichetta] [/Q]
FORMAT volume [/Q]

volume Specifica la lettera di unità (seguita da due punti), punto di montaggio o nome volume.
/FS:filesystem Specifica il tipo di file system
(FAT, FAT32, UDF o NTFS).
/V:etichetta Specifica l'etichetta di volume.
/Q Esegue una formattazione rapida.
/C Solo NTFS: L'impostazione predefinita prevede che i file creati sul nuovo volume siano compressi.
/X Forza il volume a essere smontato per primo se necessario. Tutti gli handle del volume aperti
non saranno più validi.
/A:dimensioni Sostituisce le dimensioni unità di allocazione predefinite. Le impostazioni predefinite sono consigliate per l'utilizzo generale.
NTFS supporta 512, 1024, 2048, 4096, 8192, 16K, 32K, 64K.
FAT supporta 512, 1024, 2048, 4096, 8192, 16K, 32K, 64K,
(128K, 256K per dimensioni settore > 512 byte).
FAT32 supporta 512, 1024, 2048, 4096, 8192, 16K, 32K, 64K,
(128K, 256K per dimensioni settore > 512 byte).

Da notare che i file system FAT e FAT32 impongono le seguenti restrizioni sul numero di cluster su un volume:

FAT: numero di cluster <= 65526
FAT32: 65526 < numero di cluster < 4177918

L'operazione di formattazione sarà immediatamente interrotta se non è possibile rispettare i requisiti
indicati utilizzando le dimensioni cluster specificate. La compressione NTFS non è supportata per dimensioni di unità allocazione superiori a 4096. /F:dimensioni Specifica le dimensioni del disco floppy da formattare (1,44)
/T:tracce Specifica il numero di tracce per faccia del disco.
/N:settori Specifica il numero di settori per traccia.

 

FTYPE Visualizza o modifica i tipi di file utilizzati nelle associazioni delle estensioni di file.

FORMAT unità: [/FS:file-system] [/V:etichetta] [/Q] [/A:dimensione][/C]
FORMAT unità: [/V:etichetta] [/Q] [/F:dimensione]
FORMAT unità: [/V:etichetta] [/Q] [/T:tracce /N:settori]
FORMAT unità: [/V:etichetta] [/Q]
FORMAT volume [/Q]

volume Specifica la lettera di unità (seguita da due punti), punto di montaggio o nome volume.
/FS:filesystem Specifica il tipo di file system
(FAT, FAT32, UDF o NTFS).
/V:etichetta Specifica l'etichetta di volume.
/Q Esegue una formattazione rapida.
/C Solo NTFS: L'impostazione predefinita prevede che i file creati sul nuovo volume siano compressi.
/X Forza il volume a essere smontato per primo se necessario. Tutti gli handle del volume aperti
non saranno più validi.
/A:dimensioni Sostituisce le dimensioni unità di allocazione predefinite. Le impostazioni predefinite sono consigliate per l'utilizzo generale.
NTFS supporta 512, 1024, 2048, 4096, 8192, 16K, 32K, 64K.
FAT supporta 512, 1024, 2048, 4096, 8192, 16K, 32K, 64K, (128K, 256K per dimensioni settore > 512 byte).
FAT32 supporta 512, 1024, 2048, 4096, 8192, 16K, 32K, 64K, (128K, 256K per dimensioni settore > 512 byte).

Da notare che i file system FAT e FAT32 impongono le seguenti restrizioni sul numero di cluster su un volume:

FAT: numero di cluster <= 65526
FAT32: 65526 < numero di cluster < 4177918

L'operazione di formattazione sarà immediatamente interrotta se non è possibile rispettare i requisiti
indicati utilizzando le dimensioni cluster specificate. La compressione NTFS non è supportata per dimensioni di unità allocazione superiori a 4096.
/F:dimensioni Specifica le dimensioni del disco floppy da
formattare (1,44)
/T:tracce Specifica il numero di tracce per faccia del disco.
/N:settori Specifica il numero di settori per traccia.

 

GOTO Dirige l'interprete dei comandi di Windows a una riga con etichetta in un programma batch.

RMDIR [/S] [/Q] [unità:]percorso
RD [/S] [/Q] [unità:]percorso

/S Rimuove tutte le directory e file nella directory specificata oltre alla directory stessa. Usato per rimuovere l'intera struttura di una directory.

/Q Inibisce la richiesta di conferma alla rimozione della directory eseguita con /S.

C:\>goto/?
Dirige cmd.exe ad una riga etichettata in un programma batch. GOTO etichetta

etichetta Specifica una stringa usata nel programma batch come etichetta.

Le etichette devono cominciare con due punti e terminare con ritorno a capo. Se le estensioni ai comandi sono abilitate, GOTO cambia come segue:

il comando GOTO ora accetta una etichetta di destinazione di :EOF che trasferisce il controllo
alla fine del file batch di script corrente. Si tratta di un modo semplice per uscire da un file batch di script senza definire un'etichetta. Digitare CALL /? per una descrizione delle estensioni del comando CALL che rendono utile questa funzionalità.

 

GRAFTABL Abilita Windows alla visualizzazione di un set di caratteri estesi in modalità grafica.

GRAFTABL [xxx]
GRAFTABL /STATUS

xxx Specifica tabella codici.
/STATUS Mostra la tabella codici selezionata per l'utilizzo con GRAFTABL.

 
HELP Fornisce informazioni di aiuto per i comandi di Windows.

HELP [comando]

comando - visualizza informazioni di guida per il comando.

 

 

Convertitore di Byte, conversione tra byte,Kilobyte, Megabyte o Gigabyte

Inserisci gratis il gadget nel tuo sito
 

Pubblica il convertitore di Byte nel tuo o sito:

gadget google
 

 

 
    comandi doscomandi dosms doscomandi  filelista comandicomandi  windowsservizi windowsutility windowsconfigurare i servizi  windowscomando net

 

 

windows  microsoft soluzione per ogni problema Ottimizza  windows vistaXp Vs. Vista

  
 Banner · Sitemap · Privacy e Termini  · Plugin · risorse Webmaster Widget

2007 - since © drogbaster.it  Disclaimer ·   immagini sfondi gratis Copyright delle immagini