Informazioni sulle varie licenze di copyright

Gli utenti di Internet, durante la navigazione, visualizzano diversi contenuti come: immagini, file audio e video. Tutti questi file sono coperti sotto una licenza di copyright, anche se sappiamo tutti che cosa è il diritto d’autore, solo una manciata di persone può definirlo veramente. Ciò accade perché il copyright ha molte licenze diverse, che hanno termini e effetti specifici ma non chiari.

 

copyright



 

Ogni volta che una persona crea qualcosa, diciamo, una fotografia, l’autore possiede il diritto d’autore di quella immagine. Ciò significa che l’autore controlla chi (e come) può utilizzare quella fotografia. Diciamo, l’autore vuole distribuire la sua immagine in un determinato modo, può farlo scegliendo una delle diverse licenze disponibili. Tutto ciò che è protetto da copyright può essere chiamato “proprietà intellettuale“.

Una regola importante da tenere in mente è che il diritto d’autore è sempre tuo, a meno che tu non lo cedi o crei una ridistribuzione pubblica.

La legge sul diritto d’autore varia da paese a paese, ma generalmente è simile e esistono accordi internazionali come la Convenzione di Berna per la protezione delle opere letterarie e artistiche, approfondisci argomento sul sito wikipedia. Questa convenzione, oltre a stabilire norme basilari sul diritto d’autore, afferma che i paesi devono riconoscere i diritti d’autore di altri paesi, estendendo anche i diritti concessi ai loro cittadini ai lavori stranieri. 164 paesi lo hanno sottoscritto finora.

public domain

 

Entrambi questi termini rappresentano eccezioni ai diritti di proprietà della persona che detiene diritti d’autore. FAIR USEuso equo , utilizzato in alcuni paesi, è legato a situazioni specifiche in cui l’utilizzo del materiale protetto da copyright è un “diritto legale“. Esempi di uso equo sono i motori di ricerca, l’insegnamento, la critica e così via.

Il dominio pubblico si riferisce a opere in cui i diritti di autore sono scaduti, sono stati persi o non sono applicabili. Il copyright non durerà per sempre (con poche eccezioni ), infatti, di solito termina circa 50-70 anni dopo la morte dell’autore. Inoltre, i diritti d’autore non sono obbligatori, poiché l’autore può perdere. Le opere sotto il dominio pubblico sono libere di utilizzare, copiare e modificare (anche a livello commerciale) a propria volontà.



Esempi di opere pubbliche sono i brani musicali di Beethoven, gli scritti di Shakespeare o tutte le formule sviluppate da Isaac Newton.

Creato nel 2001 da Lawrence Lessig, Creative Commons (CC) è un’organizzazione senza fini di lucro che ha creato diverse licenze che sono abbastanza semplici da capire, puntando specificamente al lavoro creativo online. Attualmente ci sono 6 licenze disponibili, che determinano come l’opera può essere resa disponibile per uso commerciale, se può essere modificata. Tutti lavorano sotto la premessa di “alcuni diritti riservati“.

Ecco, le sei licenze con i relativi effetti:



Attribuzione:tipologie licenze

  • 3.0 Italia (CC BY 3.0 IT): è la licenza CC di base e consente tutta la copia, la modifica e la distribuzione, anche commerciali, a condizione che l’autore sia accreditato.
  • Condividi allo stesso modo 3.0 Italia (CC BY-SA 3.0 IT): uguale a CC Attribution, ma obbliga il lavoro derivato a essere concesso in licenza nello stesso modo.
  • Non opere derivate 3.0 Italia (CC BY-ND 3.0 IT): consente la copia e la ridistribuzione, a condizione che l’attribuzione sia data, ma non consente la modifica.
  • Non commerciale 3.0 Italia (CC BY-NC 3.0 IT): dato che l’autore è accreditato, tutto è consentito tranne che per scopi commerciali.
  • Non commerciale – Condividi allo stesso modo 3.0 Italia (CC BY-NC-SA 3.0 IT): come la precedente licenza, anche se forzando il lavoro derivato per essere sotto la stessa licenza.
  • Non commerciale – Non opere derivate 2.0 Italia (CC BY-NC-ND 2.0 IT): il lavoro può essere liberamente copiato, a condizione che non sia modificato e utilizzato per scopi commerciali.

 

Il codice è spesso visto come qualcosa di inutile e non valido ma, se sviluppato dopo un certo punto in una forma di qualcosa di utile, ottiene valore, quindi deve essere distribuito con licenza appropriata per garantire i diritti dello sviluppatore. In alcuni luoghi, come anche in Italia, il software non è solo protetto da licenze di copyright, ma anche da brevetti. Un brevetto è diverso dal diritto d’autore, dato che il primo è concesso e il secondo è un diritto automatico. Il software non è solo protetto da licenze di copyright, ma anche da brevetti.

Le licenze software si riferiscono all’utilizzo del codice di programmazione e solitamente riguardano tre punti: come possono essere distribuiti i lavori e le ipotetiche modifiche, se il lavoro derivato deve essere distribuito come open source e quali diritti d’autore o altri avvisi devono essere implementati alla distribuzione.

 

licenze software

 

Alcune delle licenze più diffuse sono:

  • MIT : una delle licenze più aperte, in quanto fondamentalmente mette il lavoro sotto dominio pubblico. Non ci sono restrizioni o limitazioni, ad eccezione di richiedere che sia inclusa la nota di copyright completa, che non dichiara alcuna garanzia o responsabilità.
  • BSD : simile alla licenza MIT, ad eccezione del fatto che vi è una clausola che indica che l’approvazione di qualsiasi lavoro derivato non può essere fatta al nome del proprietario originale del copyright.
  • Apache : anche simile alle licenze sopra, ma con alcune modifiche. Forza che tutti i copyright originali, i marchi di fabbrica e le attribuzioni da conservare, richiedendo inoltre l’aggiunta di un avviso di modifica per ogni modifica del lavoro. Tutto questo dovrebbe spedire con le opere in un file di testo e all’interno del codice sorgente o della documentazione.
  • Copyleft : creato da Richard Stallman (illustrato in precedenza), afferma che il software libero può essere utilizzato, modificato e condiviso in libera base, rimanendo libero, nonostante il modo in cui il software è distribuito – questo è conosciuto come “copyleft” . La licenza generale pubblica (GPL) obbliga che tutti i lavori in esso devono rimanere con questa stessa licenza e, anche se il codice GPL può essere venduto, non è possibile che venga derivato da un software proprietario. software GNU General Public License può essere utilizzato, modificato e condiviso in libera base, rimanendo libero, nonostante il modo in cui il software viene distribuito – questo è noto come “copyleft”. La licenza generale pubblica (GPL) obbliga che tutti i lavori in esso devono rimanere con questa stessa licenza e, anche se il codice GPL può essere venduto, non è possibile che venga derivato da un software proprietario.

Approfondi argomento sulle varie tipologie di licenze software.



 

Come si può facilmente capire, il mondo del copyright e delle sue licenze e leggi non è altro che complicato, con molti nomi e condizioni da ricordare. Se vuoi registrare il tuo lavoro su specifici diritti d’autore, devi sicuramente leggere quanto puoi su questo argomento o, meglio ancora, ottenere un consiglio legale.



Pubblicato: 2017-07-15T17:01:25+00:00

Potrebbero interessarti anche...