Come utilizzare una fotoresistenza



Un fotoresistenza è un resistore dipendente dalla luce che lentamente perde la sua resistenza quando esposti ad alti livelli di luce ultravioletta. Come risultato, fotoresistori convertono l’energia luminosa in energia elettrica. Fotoresistenze sono utilizzati in un’ampia varietà di dispositivi per rilevare la presenza di luce, comandare un dispositivo, o attivare un sistema.

Essi sono di solito dipendono da sorgenti luminose esterne, anche se possono essere collegati ad un sistema che produce luce propria. Fotoresistenze sono generalmente prodotte da solfuro di cadmio, ma possono essere miscelati con impurità per permettere alle frequenze più basse di luce di attivare un dispositivo fotoelettrico.


simbolo elettronico fotoresistenza

Simbolo Componente Fotoresistenza: la cui resistività varia con la quantità di luce. Il disegno del simbolo viene utilizzato in un gran numero di schemi di circuiti elettrici.


Come funziona un fotoresistore


Fotoresistenze sono fatti di semiconduttori altamente resistenti che sensibili alle alte frequenze fotonici. Come fotoni (particelle di luce) vengono a contatto con il semiconduttore, causano elettroni che erano legati al metallo per passare ad un altro pezzo del semiconduttore. Come più fotoni colpiscono il semiconduttore, più elettroni vengono eliminati.

Questo crea un flusso conduttivo molto efficace di energia elettrica che viaggia solo attraverso il semiconduttore quando c’è la presenza di luce.



Applicazioni delle Fotoresistenze


Fotoresistenze sono utilizzati per una varietà di scopi, i quali richiedono luce per determinare se un dispositivo deve essere acceso, spento o impostate su una particolare posizione. Fotoresistenze sono responsabili per trasformare la luce in via di stato on / off e misura la quantità di luce.

Sono utilizzati in macchine fotografiche , esposimetri, radiosveglia, allarmi di sicurezza e orologi; ad esempio, l'uso più comune avviene nell’orologio crepuscolare.

Nel campo elettronico le Fotoresistenze sono utilizzati in compressori dinamici per controllare riduzione di guadagno e possono essere calibrati per rispondere alla luce infrarossa.



Vantaggi


Fotoresistenze hanno diversi vantaggi importanti che li separano da altri dispositivi. Sono completamente dipendenti da quanta luce che ricevono. Ciò significa che le forze esterne non interferiscono con i dispositivi che sono connessi. Un fotoresistore è anche molto semplice perché è solo un semiconduttore con un percorso conduttivo collegato ad una estremità per trasferire una corrente dal semiconduttore al dispositivo esterno che alimenta.

Sono abbastanza piccole da entrare praticamente qualsiasi dispositivo elettronico e sono utilizzati in tutto il mondo quale elemento di base in molti sistemi elettrici. Inoltre, fotoresistenze sono semplicemente progettati e sono realizzati con materiali che sono ampiamente disponibili, permettendo centinaia di migliaia di unità di essere prodotte ogni anno.



Svantaggi


Ci sono diversi tipi di fotoresistori e ognuno possiede i suoi svantaggi, ma in particolare possiedono svantaggi in comuni.
La maggior parte delle fotoresistenze non possono rilevare bassi livelli di luce e potrebbero non funzionare in determinate condizioni o circostanze, ad esempio in un’orologio crepuscolare, la carenza di luce solare, durante una giornata nuvolosa, può rendere il dispositivo non funzionante nonostante non sia richiesto il funzionamento. Fotoresistenze sono anche lente a rispondere a nuovi livelli di sorgente diluce e può richiedere fino a diversi secondi per riconoscere il cambiamento di stato. Questo perché gli elettroni si muovono ancora attraverso il semiconduttore e richiedono alcuni secondi per rallentare o accelerare il funzionamento.





fotoresistori chiamati anche LDR (Light-Dependent Resistors)
Un fotoresistore è composto da un semiconduttore di alta resistività.


Altro sull'elettronica





© riproduzione riservata
ultimo aggiornamento: