Comandi Dos per Sistema operativo Windows




1 2 3 4 5 6 7 8 9 1011 12

logo ms-dos I comandi DOS possono essere eseguiti nel sistema operativo Windows, sono di due tipi, vale a dire:

Interno, i comandi che sono stati inseriti in command.com (interprete dei comandi DOS), che possono essere eseguite direttamente dal kernel DOS, ovunque.
Esterno, i comandi non sono inclusi nel command.com, e richiede un file eseguibile (ad esempio programmi DOS) che deve essere contenuta nella directory è attiva.

Se utilizzate Xp, Vista o Windows 7 per accedere alla linea comando Dos (prompt dei comandi) C:\>, basta andare su START quindi su ESEGUI e digitare cmd per ottenerequesto risultato.


comandi dos: cmd

In alternativa si può utilizzare i tasti di scelta rapida tasto windows+R per ottenere lo stesso risultato.



Indice dei Comandi Dos


Cmd, CHkNTFS, Cls, Color, Comp, Convert, Compact, Date, Del, Dir, Diskcomp,Diskcopy, Doskey


CMD Avvia una nuova istanza dell'interprete dei comandi di Windows.

CMD [/A | /U] [/Q] [/D] [/E:ON | /E:OFF] [/F:ON | /F:OFF] [/V:ON | /V:OFF] [[/S] [/C | /K] stringa]

/C Esegue il comando specificato dalla stringa, quindi termina
/K Esegue il comando specificato dalla stringa e rimane
/S Modifica il trattamento della stringa dopo /C o /K (vedere di seguito)
/Q Disattiva echo
/D Disabilita l'esecuzione di comandi AutoRun dal registro (vedere di seguito)
/A Rende l'output di comandi interni per pipe o file in formato ANSI
/U Rende l'output di comandi interni per pipe o file in formato Unicode
/T:fg Imposta i colori primo piano/sfondo (vedere COLOR /? per ulteriori informazioni)
/E:ON Abilita estensioni ai comandi (vedere di seguito)
/E:OFF Disabilita estensioni ai comandi (vedere di seguito)
/F:ON Abilita caratteri di completamento nome directory e file (vedere di seguito)
/F:OFF Disabilita caratteri di completamento nome directory e file (vedere di seguito)
/V:ON Abilita l'espansione ritardata delle variabili di ambiente utilizzando ! come delimitatore. Per esempio, /V:ON consente a !var! di espandere la variabile var al momento dell'esecuzione. La sintassi var espande le variabili al momento dell'input, che è abbastanza differente
all'interno di un loop FOR.
/V:OFF Disabilita l'espansione ritardata dell'ambiente.

Ricordare che comandi multipli separati da separatori "&&" sono accettati per le stringhe se circoscritti da virgolette. Inoltre, per ragioni di incompatibilità, /X è analogo a /E:ON, /Y è analogo a /E:OFF e /R è analogo a /C. Le altre opzioni sono ignorate.

Se è specificato /C o /K, la parte restante della riga di comando dopo l'opzione viene elaborata come una riga di comando, in cui viene usata la seguente logica per elaborare le virgolette ("):
1. Se sono soddisfatte tutte le seguenti condizioni, le virgolette nella riga di comando vengono conservate:

- senza opzione /S
- esattamente due caratteri di virgolette
- senza caratteri speciali tra due caratteri di virgolette, dove per speciali si intende uno tra: &<>()@^|
- sono presenti uno o più spazi vuoti tra le due virgolette - la stringa tra i due caratteri di virgolette è il nome di un file eseguibile.

2. Altrimenti, si osserva se il primo carattere è un carattere di virgolette e, in tal caso, si eliminerà il primo carattere e l'ultimo carattere di virgolette nella riga di comando, conservando
il testo che segue l'ultimo carattere di virgolette.
Se /D NON è stato specificato sulla riga di comando, all'avvio di CMD.EXE,
viene effettuata la ricerca delle seguenti variabili di registro REG_SZ/REG_EXPA ND_SZ, e se
una o entrambe sono presenti, vengono eseguite per prime.

HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Command Processor\AutoRun

e/o

HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Command Processor\AutoRun

Le estensioni ai comandi sono abilitate per impostazioni predefinite. È possibile

disabilitare le estensioni per una particolare invocazione utilizzando l'opzione /E:OFF. È possibile abilitare o disabilitare le estensioni per tutte le chiamate di CMD.EXE su un computer e/o per la sessione di accesso utente impostando uno o entrambi dei i seguenti valori REG_DWORD nel registro tramite REGEDT32.EXE:

HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Command Processor\EnableExtensions

e/o

HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Command Processor\EnableExtensions

a 0x1 o 0x0. Le zare le spiegazioni in dettaglio.

L'espansione ritardata delle variabili d'ambiente NON è abilitata per impostazione predefinita. È possibile abilitare o disabilitare tale funzionalità per una particolare chiamata di CMD.EXE con l'opzione /V:ON o /V:OFF. È possibile abilitare o disabilitare il completamento di tutte le chiamate di CMD. EXE su un computer e/o sessione di accesso utente impostando uno o entrambi dei seguenti valori REG_DWORD nel registro utilizzando REGEDT32.EXE:

HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Command Processor\DelayedExpansion

e/o

HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Command Processor\DelayedExpansion

a 0x1 o 0x0. Le impostazioni specifiche per l'utente hanno precedenza sulle impostazioni del computer. Le opzioni della riga di comando hanno precedenza sulle impostazioni di registro.
Se l'espansione ritardata delle variabili di ambiente è abilitata, è possibile utilizzare il carattere punto esclamativo per sostituire il valore di una variabile di ambiente al momento dell'esecuzione.

Il completamento dei nomi di file e directory NON è abilitato per impostazione predefinita. È possibile abilitare o disabilitare tale funzionalità per una particolare chiamata di CMD.EXE con l'opzione /F:ON o /F:OFF. È possibile abilitare o disabilitare il completamento per tutte le chiamate di CMD.EXE su un computer e/o sessione di accesso utente impostando uno o entrambi dei seguenti valori REG_DWORD nel registro utilizzando REGEDT32.EXE:

HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Command Processor\CompletionChar
HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Command Processor\PathCompletionChar

e/o

HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Command Processor\CompletionChar
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Command Processor\PathCompletionChar

con il valore esadecimale di un carattere di controllo da utilizzare per una particolare funzione (per es., 0x4 è Ctrl-D e 0x6 è Ctrl-F). Le impostazioni specifiche per l'utente hanno precedenza sulle impostazioni del computer. Le opzioni della riga di comando hanno precedenza sulle impostazioni di registro.

Se il completamento è abilitato con l'opzione /F:ON, i due caratteri di controllo utilizzati sono CTRL+D per il completamento nome directory e CTRL+F per il completamento nome file. Per disabilitare un carattere di completamento particolare nel registro, utilizzare il valore per lo spazio (0x20), in quanto non è un carattere di controllo valido.

Il completamento viene richiamato digitando uno dei due caratteri di controllo. La funzione di completamento prende la stringa di percorso alla sinistra del cursore, aggiunge un carattere jolly se già non ve ne sono e crea un elenco di percorsi che corrispondono. Quindi, visualizza il
primo percorso corrispondente. Se non sono presenti percorsi corrispondenti, emette un segnale acustico e lascia così il monitor. Successivamente, premendo ripetutamente lo stesso carattere di controllo, si potrà consultare l'elenco dei percorsi corrispondenti. Premendo il tasto MAIUSC con il carattere di controllo, ci si potrà spostare lungo l'elenco in direzione inversa.
Se la riga viene modificata in qualche modo e si preme nuovamente il carattere di controllo, l'elenco salvato in precedenza viene scartato e ne viene creato un altro. Lo stesso avviene se si passa dal completamento di nome file a quello di directory. L'unica differenza tra i due caratteri di controllo è che il carattere di completamento file corrisponde a nome file e directory, mentre il carattere completamento directory corrisponde solo ai nomi directory.
Se il completamento file viene utilizzato su uno qualsiasi dei comandi di directory incorporati (CD, MD o RD), si presuppone il completamento della directory.

Il codice di completamento funziona correttamente con nomi di file che contengono spazi o altri caratteri speciali aggiungendo delle virgolette alle estremità del percorsa corrispondente.
Inoltre, se si effettua il backup, quindi si richiama il completamento all'interno di una riga, il testo alla destra del cursore al momento in cui il completamento è stato richiamato, viene scartato.


I caratteri speciali che richiedono virgolette sono:
<spazio>&()[]{}^=;!'+,`~

CHKNTFS Visualizza o modifica la verifica di un disco durante l'avvio.
C:\>chknfst/?
"chknfst" non è riconosciuto come comando interno o esterno, un programma eseguibile o un file batch.

C:\>chkntfs/?
Visualizza o modifica il controllo del disco durante la fase di avvio.

CHKNTFS volume [...]
CHKNTFS /D
CHKNTFS /T[:ora]
CHKNTFS /X volume [...]
CHKNTFS /C volume [...]

volume Specifica lettera di unità (seguita da due punti), punto di montaggio o nome volume.
/D Ripristina il computer alle impostazioni predefinite; tutte le unità sono controllate durante l'avvio e chkdsk viene eseguito su quelle danneggiate.
/T:ora Indica il conteggio alla rovescia prima dell'avvio di AUTOCHK in secondi. Se la durata non è specificata, visualizza l'impostazione corrente.
/X Esclude un'unità dal controllo predefinito all'avvio. Le unità escluse non vengono accumulate tra le invocazioni dei comandi.
/C Programma il controllo di un'unità all'avvio; chkdsk sarà eseguito se l'unità è danneggiata.

Se non sono specificate opzioni, CHKNTFS visualizzerà se l'unità specificata è danneggiata o se è programmata per un controllo al prossimo avvio.

CLS Cancella lo schermo

COLOR Imposta i colori predefiniti in primo piano e dello sfondo della console
C:\>chknfst/?
"chknfst" non è riconosciuto come comando interno o esterno, un programma eseguibile o un file batch.

C:\>chkntfs/?
Visualizza o modifica il controllo del disco durante la fase di avvio.

CHKNTFS volume [...]
CHKNTFS /D
CHKNTFS /T[:ora]
CHKNTFS /X volume [...]
CHKNTFS /C volume [...]

volume Specifica lettera di unità (seguita da due punti), punto di montaggio o nome volume.
/D Ripristina il computer alle impostazioni predefinite; tutte le unità sono controllate durante l'avvio e chkdsk viene eseguito su quelle danneggiate.
/T:ora Indica il conteggio alla rovescia prima dell'avvio di AUTOCHK in secondi. Se la durata non è specificata, visualizza l'impostazione corrente.
/X Esclude un'unità dal controllo predefinito all'avvio. Le unità escluse non vengono accumulate tra le invocazioni dei comandi.
/C Programma il controllo di un'unità all'avvio; chkdsk sarà eseguito se l'unità è danneggiata.

Se non sono specificate opzioni, CHKNTFS visualizzerà se l'unità specificata è danneggiata o se è programmata per un controllo al prossimo avvio.

COMP Confronta il contenuto di due file o di un gruppo di file.

COMP [dati1] [dati2] [/D] [/A] [/L] [/N=numero] [/C] [/OFF[LINE]]

dati1 Specifica la posizione e il nome del primo file da confrontare.
dati2 Specifica la posizione e il nome del secondo file da confrontare.
/D Visualizza le differenze in formato decimale.
/A Visualizza le differenze in caratteri ASCII.
/L Visualizza i numeri delle righe differenti.
/N=numero Confronta solo il numero specificato di linee in ogni file.
/C Trascura il caso di caratteri ASCII nel confronto dei file.
/OFF[LINE] Non ignora i file in cui è impostato l'attributo non in linea.

Per confrontare gruppi di file, utilizzare caratteri jolly nei parametri dati1 e dati2.

CONVERT Converte volumi FAT in NTFS. Non è possibile convertire l'unità in uso.
C:\>convert/?
Converte volumi FAT in NTFS.

CONVERT volume: /FS:NTFS [/V] [/CvtArea:nomefile] [/NoSecurity] [/X]

volume Specifica la lettera dell'unità, il punto di montaggio o il nome del volume seguiti da due punti.

/FS:NTFS Specifica la conversione del volume in NTFS.
/V Specifica che Convert dovrebbe essere eseguito in modalità dettagliata.
/CvtArea:nomefile
Specifica un file contiguo nella direcotry principalecome segnaposto per i file di sistema NTFS.
/NoSecurity Specifica che le impostazioni di protezione dei file convertiti e delle directory sono accessibili a tutti.
/X Forza il volume a essere smontato per primo se necessario. Tutti gli handle del volume aperti non saranno più validi.

COMPACT Visualizza o modifica la compressione di file su partizioni NTFS.
COMPACT [/C | /U] [/S[:dir]] [/A] [/I] [/F] [/Q] [nomefile [...]]

/C Comprime il file specificato. Le directory verranno marcate affinché i file aggiunti successivamente vengano compressi.

/U Decomprime il file

specificato. Le directory verranno marcate affinché i file aggiunti successivamente non vengano compressi.
/S Esegue l'operazione specificata sui file nella directory data e in tutte le sue sottodirectory. La directory predefinita è quella corrente.
/A Mostra i file con gli attributi nascosti o di sistema. L'impostazione predefinita prevede che questi file vengono omessi.
/I Continua ad eseguire l'operazione specificata anche dopo che si sono verificati degli errori. L'impostazione predefinita prevede che COMPACT si arresti quando incontra un errore.
/F Forza l'operazione di compressione su tutti i file specificati, anche quelli che sono già compressi. L'impostazione predefinita prevede che i file già compressi vengano ignorati.

/Q Riporta solo le informazioni essenziali.

nomefile Specifica un criterio di ricerca, un file, o una directory.

Usato senza parametri, COMPACT visualizza lo stato di compressione della directory corrente e dei file in essa contenuti. Si possono usare nomi di file multipli e caratteri jolly. Bisogna inserire degli spazi tra i parametri multipli.

DATE Visualizza o imposta la data.
COMPACT [/C | /U] [/S[:dir]] [/A] [/I] [/F] [/Q] [nomefile [...]]

/C Comprime il file specificato. Le directory verranno marcate affinché i file aggiunti successivamente vengano compressi.
/U Decomprime il file specificato. Le directory verranno marcate affinché i file aggiunti successivamente non vengano compressi.
/S Esegue l'operazione specificata sui file nella directory data e in tutte le sue sottodirectory. La directory predefinita è quella corrente.
/A Mostra i file con gli attributi nascosti o di sistema. L'impostazione predefinita prevede che questi file vengono omessi.
/I Continua ad eseguire l'operazione specificata anche dopo che si sono verificati degli errori. L'impostazione predefinita prevede che COMPACT si arresti quando incontra un errore.
/F Forza l'operazione di compressione su tutti i file specificati, anche quelli che sono già compressi. L'impostazione predefinita prevede che i file già compressi vengano ignorati.
/Q Riporta solo le informazioni essenziali. nomefile Specifica un criterio di ricerca, un file, o una directory.

Usato senza parametri, COMPACT visualizza lo stato di compressione della directory corrente e dei file in essa contenuti. Si possono usare nomi di file multipli e caratteri jolly. Bisogna inserire degli spazi tra i parametri multipli.

DEL Elimina uno o più file.
COMPACT [/C | /U] [/S[:dir]] [/A] [/I] [/F] [/Q] [nomefile [...]]

/C Comprime il file specificato. Le directory verranno marcate affinché i file aggiunti successivamente vengano compressi.
/U Decomprime il file specificato. Le directory verranno marcate affinché i file aggiunti successivamente non vengano compressi.
/S Esegue l'operazione specificata sui file nella directory data e in tutte le sue sottodirectory. La directory predefinita è quella corrente.
/A Mostra i file con gli attributi nascosti o di sistema. L'impostazione predefinita prevede che questi file vengono omessi.
/I Continua ad eseguire l'operazione specificata anche dopo che si sono verificati degli errori. L'impostazione predefinita prevede che COMPACT si arresti quando incontra un errore.
/F Forza l'operazione di compressione su tutti i file specificati, anche quelli che sono già compressi. L'impostazione predefinita prevede che i file già compressi vengano ignorati.
/Q Riporta solo le informazioni essenziali.
nomefile Specifica un criterio di ricerca, un file, o una directory.

Usato senza parametri, COMPACT visualizza lo stato di compressione della directory corrente e dei file in essa contenuti. Si possono usare nomi di file multipli e caratteri jolly. Bisogna inserire degli spazi tra i parametri multipli.

DIR Visualizza un elenco di file e sottodirectory in una directory.
COMPACT [/C | /U] [/S[:dir]] [/A] [/I] [/F] [/Q] [nomefile [...]]

/C Comprime il file specificato. Le directory verranno marcate affinché i file aggiunti successivamente vengano compressi.

/U Decomprime il file specificato. Le directory verranno marcate affinché i file aggiunti successivamente non vengano compressi.
/S Esegue l'operazione specificata sui file nella directory data e in tutte le sue sottodirectory. La directory predefinita è quella corrente.
/A Mostra i file con gli attributi nascosti o di sistema. L'impostazione predefinita prevede che questi file vengono omessi.
/I Continua ad eseguire l'operazione specificata anche dopo che si sono verificati degli errori. L'impostazione predefinita prevede che COMPACT si arresti quando incontra un errore.
/F Forza l'operazione di compressione su tutti i file specificati, anche quelli che sono già compressi. L'impostazione predefinita prevede che i file già compressi vengano ignorati.
/Q Riporta solo le informazioni essenziali. nomefile Specifica un criterio di ricerca, un file, o una directory.

Usato senza parametri, COMPACT visualizza lo stato di compressione della directory corrente e dei file in essa contenuti. Si possono usare nomi di file multipli e caratteri jolly. Bisogna inserire degli spazi tra i parametri multipli.

DISKCOMP Confronta i contenuti di due dischi floppy.
DISKCOMP [unità1: [unità2:]]

DISKCOPY Copia il contenuto di un disco floppy su un altro.
DISKCOPY [unità1: [unità2:]] [/V]

/V Verifica che le informazioni vengano copiate correttamente.

I due dischi floppy devono essere dello stesso tipo. Si può specificare la stessa unità per unità1 e unità2.

DOSKEY Modifica righe di comando, richiama comandi di Windows, crea macro.
DOSKEY [/REINSTALL] [/LISTSIZE=dim.] [/MACROS[:ALL | :nome exe]]
[/HISTORY] [/INSERT | /OVERSTRIKE] [/EXENAME=nome exe] [/MACROFILE=nomefile]
[nome macro=[testo]]

/REINSTALL Installa una nuova copia di Doskey.
/LISTSIZE=dim. Imposta la dimensione del buffer dei comandi.
/MACROS Visualizza tutte le macro di Doskey.
/MACROS:ALL Visualizza tutte le macro di Doskey per tutti i file eseguibili che hanno macro di Doskey.
/MACROS:nome exe Visualizza tutte le macro di Doskey per il file eseguibile indicato.
/HISTORY Visualizza tutti i comandi memorizzati.
/INSERT Specifica che il nuovo testo digitato venga inserito in quello esistente.
/OVERSTRIKE Specifica che il nuovo testo sovrascriva quello esistente.
/EXENAME=nome exe Specifica il file eseguibile.
/MACROFILE=nomefile Specifica il file di macro da installare. nome macro Specifica il nome della macro che si sta creando. testo Specifica i comandi che si vogliono memorizzare.

FRECCIA SU e FRECCIA GIU' richiamano i comandi; ESC cancella la riga di comando; F7 visualizza i comandi eseguiti; ALT+F7 cancella i comandi eseguiti; F8 ricerca tra i comandi eseguiti; F9 seleziona un comando in base al numero; ALT+F10 cancella le definizioni delle macro.

Di seguito viene riportato un elenco di alcuni codici specifici per la definizione di macro Doskey:
$T Separatore di comandi. Consente comandi multipli in una macro.
$1-$9 Comandi batch. Equivalenti a %1-%9 in programmi batch.
$* Simbolo sostituito da ciò che segue il nome della macro sulla riga di
comando.








© riproduzione riservata