Avvio avanzato di Windows: i comandi più importanti

Avvio avanzato di Windows: i comandi più importanti

  1. Carica un numero limitato di driver di periferica e servizi essenziali per l’avvio e gestione d’emergenza del sistema operativo. Visualizzerete l’interfaccia con risoluzione 800×600.
  2. Identica alla modalità provvisoria semplice, con l’aggiunta del caricamento di un driver di rete, al fine di permettere al computer di comunicare via rete locale con altri PC eventualmente collegati. Non funziona su PC portatili con adattatore di rete PCMCIA (le periferiche PCMCIA sono disabilitate). È inoltre possibile che in questa modalità le reti senza fili non funzionino. Per avere quindi la certezza di un supporto LAN è meglio appoggiarsi a una scheda di rete Ethernet e collegamento con cavo.
  3. Funzionalità avanzata per esperti, per ordinare al sistema operativo comandi testuali attraverso la cosiddetta “Console di ripristino di emergenza”.
  4. Windows viene avviato con risoluzione video 800×600 utilizzando il driver correntemente installato. Non si tratta di una modalità provvisoria, ma di un avvio di emergenza con grafica a bassa risoluzione nel caso in cui il PC sia impostato con una modalità di visualizzazione non supportata dal monitor.
  5. È una funzione simile al Ripristino configurazione di sistema, ma più limitata. Ha il compito di ripristinare la chiave di registro che tiene traccia dei driver installati. Se avete cambiato dei driver o un componente hardware e, immediatamente dopo la modifica, il sistema operativo non si avvia, questa funzione è ottima per ripristinare la chiave di registro al momento precedente la modifica.

Forse non tutti sanno che: In modalità provvisoria di Windows è possibile ripristinare vecchi driver che funzionavano meglio rispetto agli ultimi che avete installato (non sempre le versioni più recenti sono stabili quanto quelle precedenti). Se non sai come avviare e quando è necessaria attivare la modalità provvisoria per risolvere i problemi del PC, ecco le nostre indicazioni.

Modalità provvisoria: ecco cosa succede

Accendete il computer e, subito dopo i messaggi del BIOS che individuano memoria, processore e periferiche, e prima che appaia il logo di Windows, premete il tasto F8.



Per precauzione premetelo più volte, senza esagerare.

Apparirà la schermata nera del “Menu opzioni avanzate di Windows”.

Qui potete selezionare la modalità di avvio che volete: quella che vi consigliamo è “Modalità provvisoria”.

Se per caso vi siete pentiti e volete ritornare sui vostri passi muovetevi con le frecce direzionali fino a “Riavvia” oppure “Avvia Windows normalmente”.

Selezionate “Modalità provvisoria” premete il tasto INVIO della tastiera.

Nella schermata successiva selezionate il sistema operativo e premete ancora Invio. Se avete installato un mouse USB che non è riconosciuto dal BIOS del computer, apparirà questa schermata che avvisa la sua inutilizzabilità. A questo punto avreste ancora la possibilità di collegare un mouse seriale: se ne avete uno, premete “OK” (battendo il pulsante INVIO), spegnete il PC, collegate il mouse seriale e riavviate di nuovo il computer in modalità provvisoria, ricominciando la procedura.

A questo punto inizia una lunga procedura di avvio che, se avete Windows, termina con la visualizzazione degli utenti con permessi da amministratore presenti sul PC, incluso l’utente “Administrator” di solito invisibile: gli utenti con account standard o limitato non hanno accesso all’avvio in modalità provvisoria, quindi saranno invisibili.

Selezionato l’utente apparirà la schermata che vedete qui sotto che dà qualche informazione sommaria su Modalità Provvisoria e infine chiede all’utente se preferisce procedere in modalità provvisoria (premere “Sì”) oppure utilizzare la funzione di Ripristino configurazione di sistema (premere “No”, la procedura di ripristino si avvierà automaticamente).



Se il mouse è disabilitato dovrete utilizzare la tastiera per selezionare uno dei due comandi: se premete ripetutamente il pulsante TAB vi accorgerete di poter selezionare alternativamente i due comandi.

 

Comandi tastiera sostitutivi al mouse

tasti freccia cursore della tastiera del pc



 

Se avete installato un mouse USB, è molto probabile che durante la modalità provvisoria non sia utilizzabile. Allora come si fa? Bisogna tornare “ai vecchi tempi”, quando si usava solo la tastiera. Ecco quindi l’elenco dei pulsanti principali da utilizzare quando siamo in modalità provvisoria e dobbiamo
per forza applicare qualche modifica alle impostazioni del sistema.

 

 

tasto tab della tastiera del pc

TAB: Per spostarsi da una finestra all’altra, da un pulsante all’altro.

 



 

tasto enter / invio della tastiera del pc

 

Invio: Per confermare un ordine. Corrisponde a un clic o a un doppio clic del mouse.

 

 

 

tasto alt della tastiera del computerAlt: Da utilizzare in combinazione con altri tasti per aprire i menu e dare comandi. Se guardate le barre dei menu
noterete che le varie voci hanno una lettera sottolineata. Il menu corrispondente alla voce si apre premendo Alt
e la lettera sottolineata. In riferimento a questa immagine, quindi “File” si apre con la combinazione ALT+F, “Modifica” con ALT+M, “Visualizza” con ALT+V e così via. Ricordatevi che per chiudere qualsiasi finestra dovete premere ALT+F4.

Elenco tasti di scelta rapida

Se si avvia la modalità provvisoria per disinstallare i driver: Programma che controlla una periferica, necessario per farla dialogare con il sistema operativo e le applicazioni che la utilizzano.

Ogni volta che si installa una nuova componente hardware (per esempio scheda grafica, scheda audio) o una nuova periferica (stampante, chiave USB e così via) è necessario prima di tutto installare i suoi driver specifici.

driver sono spesso soggetti ad aggiornamenti da parte delle ditte produttrici delle componenti.

 

 



Pubblicato: 2017-01-20T18:53:03+00:00

Potrebbero interessarti anche...