Allattamento: la dieta della mamma


Mamma e bimbo: Alimentazione corretta dopo i primi mesi della gravidanza



Dopo 9 mesi di attesa, finalmente il mio piccolo è nato!
Il suo arrivo è stato il momento più bello ed emozionante nella mia vita e ho vissuto l’allattamento come un momento speciale: è un fatto naturale che renderà ancora più saldo il rapporto tra me e mio figlio.

Perché il mio bambino cresca sano e forte, nei primi tre mesi di vita dovrò stare molto attenta alla mia dieta: non rinuncerò di certo a tutti i miei cibi preferiti, ma presterò maggiore attenzione alla qualità degli alimenti.


Durante questo particolare periodo, il tuo fabbisogno energetico dovrà tener conto, oltre che della nostra costituzione fisica, anche dell’attività svolta e della quantità di latte prodotto: infatti, 100 g di latte richiedono un dispendio energetico non trascurabile, pari a circa 90 kcal. Ciò significa che una mamma che produce, ad esempio, 750 g di latte al giorno, dovrebbe sommare al suo fabbisogno calorico giornaliero circa 650 kcal. Superare questo apporto calorico potrebbe causare un aumento in peso molto difficile poi da smaltire, mentre un apporto calorico inferiore potrebbe ridurre la produzione giornaliera di latte.




La tua dieta dovrà comprendere tutti i principi nutritivi di cui l’organismo ha bisogno, suddivisi nei vari pasti. Il concetto di base è quello di cercare di nutrirsi con alimenti facilmente digeribili, di alto valore nutritivo e che non lascino passare nel latte sapori sgradevoli o sostanze dannose.


Vediamoli insieme.



Allattamento: gli alimenti di cui non puoi fare a meno


  • Gli alimenti che sarebbe opportuno assumere tutti i giorni sono: cereali, frutta, verdura, olio extra vergine di oliva e acqua minerale non gasata.
  • Gli alimenti da assumere 3-4 volte alla settimana: legumi, carne rossa, frutta secca, pesce. Un discorso a parte meritano i legumi, che sarebbe meglio consumare con moderazione, soprattutto se il nostro bebè soffre di coliche gassose.
  • Cibi da assumere 1-2 volte alla settimana: uova, burro.


Considera inoltre che la produzione di latte materno incrementa il fabbisogno giornaliero d’acqua: è importante quindi bere a sufficienza (acqua, succhi di frutta e di verdura, brodi, tisane e latte).



Ti consiglio di prendere l’abitudine di bere ogni volta che ti siedi per allattare.



Piccola parentesi: non è vero che bere molto latte aiuta a produrne di più: anzi, gli esperti consigliano di non berne affatto, se abbiamo qualche fastidiosa allergia familiare.

Ci sono altri alimenti che possono fornirti la quantità di calcio necessaria: yogurt, ricotta o formaggi, come il parmigiano, vengono generalmente tollerati anche dai soggetti allergici. La melassa grezza e il tofu, un derivato della soia, sono anch’essi ricchi di calcio come lo sono le mandorle e i semi di sesamo.



Oltre al riposo e a un’alimentazione equilibrata, anche l’assunzione regolare di tisane, infusi e decotti di alcune piante potrebbe contribuire ad aumentare la portata lattea.



Mi raccomando, consulta il pediatra in modo da fugare ogni dubbio e intraprendere la giusta terapia.



Così si evitano le coliche


Se il tuo bebè continua a piangere, soprattutto la sera ed in coincidenza con le poppate, è possibile che soffra di coliche gassose (iniziano dalla seconda alla quarta settimana di vita).



Di questi pianti disperati non si conoscono, purtroppo, né le ragioni né il rimedio ma è opinione diffusa che cambiare il latte della mamma attraverso un cambio di alimentazione possa alleviare questo disturbo:


Perché sia efficace, è consigliabile evitare il consumo dei seguenti alimenti:


  • castagne;
  • cibi e bevande contenenti sostanze eccitanti, come la caffeina, gli alcolici
  • alcuni tipi di verdura, come cavoli, peperoni, melanzane, legumi, aglio, cipolla, asparagi e carciofi;
  • la frutta zuccherina;
  • fritti e cibi molto grassi;
  • crostacei e molluschi;

Tuttavia, l’unico vero alimento la cui eliminazione si è sicuri che possa portare a un miglioramento delle coliche sono i latticini…tentar non nuoce.



Qualche idea per una ricetta sfiziosa ?

© riproduzione riservata